We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
AMALTEA centro estetico

AMALTEA centro estetico

via Trieste, Castrignano del Capo, 73040, Italy

Get Directions

3200234014

Categories
Now CLOSED
Work hours
MO closed SA 09:00 – 13:00
TU 09:00 – 13:00 SU closed
WE 09:00 – 13:00
TH 09:00 – 13:00
FR 09:00 – 13:00
About Centro Estetico
AMALTEA centro estetico cover
Description Il mito di Amaltea
Nell’immaginario collettivo di tutti i popoli della antichità la capra occupò un posto molto diverso dall’attuale. Essa infatti fu sacra presso molti popoli e comunque fu sempre simbolo di abbondanza e di prolificità. Leggende, miti e tradizioni sulla capra sono sempre legate alla figura di Zeus e si estesero largamente in tutti i luoghi della Grecia, da Creta a Dodona, alla Tessaglia, via via che nelle popolazioni veniva accolto il culto di Zeus. Amaltea infatti fu il nome che la mitologia attribuì alla capra che a Creta aveva nutrito Giove con il proprio latte.
In principio fu Amaltea. Era una capra bellissima: agile scattante, fiera. Un po’ ombrosetta, forse perché eternamente giovane: aveva infatti il dono dell’eterna giovinezza. Le sue corna elegantemente e voluttuosamente attorcigliate risplendevano al sole, specie al mattino e al tramonto quando i raggi erano più obliqui. Si ergevano sulla sua fronte immacolata per di più di un metro di altezza. Il suo pelame era più morbido dei più morbidi fili di seta d’Oriente, morbido e dolce come il capello di una sposa adorata. Le sue mammelle erano il sogno di un poeta: calde, tenere, soffici, accoglienti. Da quei capezzoli sgorgava il latte della vita.

Viveva a Creta, ove si diceva fosse figlia del re Melisseo. Altri invece sussurravano che fosse la ninfa figlia di Oceano. In realtà, poiché, come si è detto, aveva il dono dell’eterna giovinezza non aveva avuto genitori: veniva dall’infinito. Qualcuno le diceva figlia del Sole. E non aveva torto, tanto risplendente e abbagliante era la sua bellezza. Ma non aveva neppure torto chi guardandola pensava ad oceano. I suoi occhi, pur non avendone il colore, avevano la profondità del più profondo degli oceani. E per di più per venire a Creta Ella aveva ben attraversato degli oceani misteriosi dopo aver lasciato quelle montagne che foravano la profondità dei cieli, quelle vette altissime, bianche di neve immacolata, lontane, inaccessibili che qualche ped
Founded 04/23/2006

Similar places nearby