We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
Biodiversità 2018

Biodiversità 2018

Via R. Balzarini, 1, Teramo, 64100, Italy

Get Directions

051 6575834

Work hours Add information
About Biodiversità, ambiente e salute saranno i focus del XII Convegno Nazionale sulla Biodiversità del 13-15 giugno presso l'Università degli Studi di Teramo
Description Il XII° Convegno Nazionale sulla Biodiversità, organizzato dall’Università degli Studi di Teramo in cooperazione con le Università degli Studi dell’Aquila e “G.D’Annunzio” di Chieti-Pescara, il Consiglio Nazionale delle Ricerche, Il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria, l’Accademia Delle Scienze della Biodiversità Mediterranea, prosegue il confronto e dialogo avviato 23 anni fa, tra scienziati, referenti istituzionali e politici, su tematiche relative agli ambiti, tra loro complementari, del trittico della biodiversità (intraspecifica, interspecifica, ecosistemica) per contribuire a promuovere l’avanzamento delle conoscenze sulla base dei risultati della ricerca fondata sul rigore del metodo scientifico. In particolare, il XII Convegno ha come preminente obiettivo di trattare studi e ricerche su “Biodiversità, Ambienti, Salute”, con particolare riguardo alle interazioni tra gli ambienti terrestri ed acquatici. La scelta di tematiche così fortemente interrelate, scaturisce da una evidente rivoluzione culturale in corso da qualche anno sulla gestione razionale del territorio e sulle implicazioni dirette ed indirette sulla salute delle persone. Biodiversità, Ambienti, Salute, sono tematiche strettamente interconnesse e costituiscono, assieme al cambiamento climatico, la futura sfida strategica nello scenario di uno sviluppo sostenibile. Forse, l'avvenimento più importante dell'inizio del terzo millennio! Una innovativa strategia di salvaguardia della biodiversità che riguarda non solo gli ambienti primari terrestri ed acquatici, formatisi attraverso milioni di anni, ma anche degli ambienti naturali secondari determinati dall'azione dell'uomo durante i secoli, in particolare negli ultimi decenni, che dai “campi coltivati" hanno condotto alle attuali aree rurali, fino alle aree marine protette.
Una nuova strategia che non si limita alla protezione delle risorse endogene, quali fondamenta per la salute degli esseri umani, ma include a