We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
Thursday
19
APR

Serata con l'Autrice Paola Barbato

20:30
23:30
Biblioteca comunale di Cavriana
Event organized by Biblioteca comunale di Cavriana

Get Directions

Category
#var:page_name# cover

Appuntamento con l'autrice Paola Barbato,
fumettista e scrittrice, storica matita di innumerevoli edizioni del fumetto cult "Dylan Dog".
Per l'occasione Paola ci presenterà il suo ultimo romanzo giallo "Non ti faccio niente" edito da PIEMME.
L'appuntamento perciò imperdibile per gli amanti del giallo e per i cultori del fumetto d'autore.

Per maggiori info su Paola Barbato: https://it.wikipedia.org/wiki/Paola_Barbato#Biografia

"Trama del libro:
1983. L'uomo seduto nella macchina blu è nuovo di quelle parti, ma Remo non ha paura, non sa che cosa sia un estraneo. L'uomo ha tra le mani un passerotto caduto dal nido, almeno così dice, e chiede a Remo di aiutarlo a prendersene cura. Il bambino, sette anni passati quasi tutti per strada, che i genitori hanno altri pensieri, non esita neppure per un attimo. E sale. Tre giorni dopo viene restituito alla famiglia, illeso nel corpo e nell'anima; racconta di un uomo biondo, bellissimo, che lo ha riempito di regali e che ha giocato con lui, come nessun adulto aveva mai fatto. Non è la prima volta che succede e non sarà l'ultima. Trentadue bambini in sedici anni. Tutti tenuti per tre giorni da un uomo che cerca di realizzare i loro desideri e li restituisce alla famiglia, felici. Quando la polizia comincia a collegare i rapimenti lampo, l'uomo scompare. 2015. Il padre di Greta non è mai arrivato una sola volta in ritardo a prenderla. Ma lo sgomento negli occhi della maestra gli fa capire che qualcosa non va, perché Greta a scuola non è mai entrata. Scompare così, la figlia di Remo Polimanti, come lui era scomparso trent'anni prima. Anche lei viene subito restituita alla famiglia, ma priva di vita. Greta non è che la tappa iniziale di una scia di sangue che collega i figli dei bambini rapiti anni prima. Ma perché il rapitore "buono" si è trasformato in un assassino? O forse c'è qualcuno che intende emularlo. O sfidarlo. O punirlo.