We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
Tuesday
03
APR

Open Classes Compagnia SinespaZio

09:30
11:00
Arti Sinespazio 3.0
Event organized by Arti Sinespazio 3.0

Get Directions

Category
#var:page_name# cover

In occasione della nuova collaborazione tra L’Ass. Arti Sinespazio 3.0 e il Centro Formazione Danza con la direzione artistica di Milena Freni, la Compagnia SinespaZio apre le porte ai danzatori e a tutti coloro interessati al lavoro sul movimento e sul corpo presenti sul territorio siciliano durante tutto il periodo di residenza per la preparazione della nuova produzione, proponendo Open Classes di tecnica contemporanea con la coreografa e performer Carmen De Sandi e la danzatrice e coreografa Francesca Formisano.
La prima training session si terrà al mattino presso Centro Formazione Danza in Via Mirulla S.n.c. Ang. Via Consolare Valeria (Svincolo S. Filippo)-Pistunina, Messina a partire da Martedì 3 Aprile dalle ore 9.30 alle ore 11.00.

Per partecipare inviare una mail a artisinespazio3.0@gmail.com specificando nell’oggetto “ Open Class ”

- QUANDO
Da Martedì 3 Aprile a Giovedì 13 Aprile ORE 9.30 - 11.00
Sabato 7 aprile ore 12.30
- DOVE
Centro Formazione Danza in Via Mirulla S.n.c. Ang. Via Consolare Valeria (Svincolo S. Filippo)-Pistunina, Messina

- COSTI
Dal 3 al 13 Aprile costo complessivo 85 €
Costo singola lezione 10 €

COMPAGNIA SINESPAZIO

È uno stimolo quello che la Compagnia SinespaZio lancia dal proprio nominarsi.
Ciò che si può dedurre è la sensazione che lo spazio manchi a chi lo spazio lo crea, lo plasma, lo scompone per nuovamente ricomporlo, tramite il corpo, il suono, gli oggetti.
SinespaZio anche perché la danza possa accadere in luoghi imprecisati, imprevisti e imprevedibili, altresì al di fuori dei teatri tradizionali, alla ricerca di un diverso rapporto con il pubblico, che non si limiti alla classica fruizione frontale della performance.
La ricerca coreografica della compagnia è mossa dall’estrema curiosità di scoprire il personale movimento di ogni suo danzatore per poi da questo farsi ispirare, innescando quel continuo e scambio di suggestioni, emozioni, evocazioni tra danzatore e coreografo, di fondamentale importanza nello stile di Carmen De Sandi e Francesca Formisano.
In questo modo il processo compositivo stimola le capacità creative del danzatore, fornendogli gli strumenti necessari all’esaltazione dell’identità personale e alla valorizzazione del mondo interiore.
Metodologia, questa, che si può ricondurre alle più recenti ricerche nell’ambito degli studi sulla danza, secondo cui nella danza contemporanea c’è solo una vera danza: la danza di ogni individuo.
Nella compagnia una coreografia può dunque nascere sia dall’idea di lavorare sul concetto di sfera o di linea, così come da un dettaglio o dalla carica interpretativa di un gesto, in uno stile di movimento, risultato dell’elaborazione di diverse tecniche di danza contemporanea (Graham, Cunningham, Release, Contact Improvisation), miscelate a fornire un vasto vocabolario di riferimento.
In sostanza il training proposto alla compagnia si basa sulla conoscenza dei principi anatomici sottesi al movimento stesso, per far sì che i danzatori acquisiscano una consapevolezza sempre più profonda del proprio corpo.
Ciò che ne deriva è una performance in cui il movimento, la danza sono sempre utilizzati per comunicare una certa idea, per esprimere un’emozione, in una simbolica corrispondenza tra densità fisica e psicologica, alla ricerca di una consistenza di materia e di senso, dentro la quale anche la luce e il suono diventano corpi in movimento.
Un significato o “senso” del movimento magari non “oggettivo”, ma qualcosa che serve a progettare, a sostenere, a costruire il corpo e il gesto secondo precise intenzioni poetiche.
Approfondendo lo studio del movimento sia come interpreti sia come spettatrici, le artiste riflettono anche sulla possibilità di espressione di un corpo che si muove in uno spazio privo di contesto musicale.
Lo stile è riconoscibile, ogni singolo gesto ha un’intensità, un volume, crea uno spazio e un tempo e, avvicinando la terminologia coreutica a quella musicale, la qualità di movimento è paragonabile al timbro sonoro, caratteristica che si riferisce alla singolarità di ogni corpo.
Un corpo in cui ogni respiro ha un proprio tempo, ogni battito del cuore il proprio ritmo che si modifica secondo l’azione che si svolge o dell’emozione che si prova.
L’intento è non solo di porre il danzatore di fronte a questa realtà, ma permettergli di immergersi all’interno, di sprofondare in questa realtà per amplificarla, destrutturarla, ricomporla.
Altra caratteristica da sottolineare rispetto alla proposta coreografica è la preferenza al lavoro con gli insiemi di persone, in cui meglio si possono manifestare i suoi giochi con le geometrie e si moltiplicano le possibilità di esplorare lo spazio.

Contatti:
Compagnia SinespaZio
artisinespazio3.0@gmail.com

Centro Formazione Danza
milenafreni@tiscali.it
Tel: 320 413 8493