We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
Saturday
31
MAR

New British Cinema: Shame

18:30
20:00

Get Directions

Category
#var:page_name# cover

​di Steve McQueen; (Gbr, 2011; 99’; v.o. sott.it)

Il 30enne newyorchese Brandon è apparentemente un uomo di successo, ma nell'intimo della sua vita privata nasconde una logorante dipendenza sessuale. Brandon, infatti, pratica ogni sorta di sesso reale e virtuale dividendosi tra una serie di storie senza futuro e incontri di una notte. Fino a quando sua sorella Sissy, una ragazza ribelle e problematica, irrompe nel suo confortevole appartamento con la sua richiesta di attenzione e affetto.

Il ritmo metodico e ordinato della vita di Brandon entrerà in crisi e lui, sempre più disperato e furioso, per sfuggire al difficile rapporto con la sorella sprofonderà nel vortice oscuro dei bassifondi di New York.

INFORMAZIONI
Quando
sabato 31 marzo ore 18.30 (v.o. sott. it)
mercoledì 4 aprile ore 18.30 (v.o. sott. it)

Ingresso
Ingresso unico € 4,50
Ingresso doppio spettacolo sabato 31 marzo (Under the Skin e Shame) € 6,00

______________________________________

New British Cinema
New British Cinema è una rassegna cinematografica con cui abbiamo voluto selezionare quanto di meglio ha prodotto il cinema Made in UK negli ultimi anni. Come si evince chiaramente dai film scelti, abbiamo deciso di tenere fuori i grandi nomi del cinema d’oltremanica e concentrarci su alcuni degli autori più giovani e meno conosciuti che stanno contribuendo a fare di quella britannica una tra le cinematografie senza dubbio più vivaci e interessanti a livello internazionale.

Nella nostra lista troviamo registi già molto affermati come Martin McDonagh, pluripremiato commediografo inglese che ha deciso di passare dietro la macchina da presa diventando dopo soli tre film uno dei più apprezzati registi-sceneggiatori in circolazione (il suo ultimo lavoro, Three Billboards Outside Ebbing, Missouri, quest’anno ha già vinto il Golden Globe per il Miglior film drammatico ed è tra i favoriti nella corsa ai premi Oscar più prestigiosi);

Edgar Wright, originale autore inglese che ha dimostrato una magistrale capacità di fondere i generi in un cocktail esplosivo di pura adrenalina e graffiante intelligenza narrativa (la cosiddetta “trilogia del cornetto” è ormai un cult per i cinefili e l’ultimo film, Baby Driver, è l’ennesima conferma del suo talento); e Steve McQueen, artista e regista londinese, autore di un cinema di denuncia provocatorio ed esteticamente raffinatissimo, che dopo il successo nei più importanti festival internazionali (Caméra d’or per la miglior opera prima al Festival di Cannes 2008, con Hunger , e Coppa Volpi a Michael Fassbender per la miglior interpretazione maschile in Shame al Festival di Venezia 2011) ha vinto il premio Oscar per il Miglior film 2014 con 12 Years a Slave ; o registi meno conosciuti ma che hanno già dimostrato di essere autori cristallini con un’idea chiarissima di cinema, e pensiamo a Duncan Jones (il suo Moon è uno dei film di fantascienza più straordinari del nuovo millennio), Shane Meadows ( This is England, ritratto accorato della provincia inglese in età thatcheriana, è un autentico capolavoro di realismo crudo e arrabbiato), Andrew Haigh (sensibile narratore di storie legate all’omosessualità, ma non solo, con Weekend ha realizzato, a detta di molti, uno dei film più appassionanti mai visti sull’amore gay) e ancora Andrea Arnold (vincitrice del Premio della Giuria al Festival di Cannes 2016 con American Honey ) e forse soprattutto Ben Wheatley (autore di film già di culto come Sightseers - Killer in viaggio e Kill List), che in pochi film è già diventato un modello di humor nero e film horror anticonvenzionali. Infine il primo film che esce in Italia del regista scozzese, di chiare origini italiane, Armando Iannucci, The death of Stalin - Morto Stalin, se ne fa un altro, certamente una delle commedie nere più sorprendenti di questa stagione cinematografica. (Luca Barni)

I film della rassegna
3/3 h. 16.15 - 7/3 h. 18.30
The death of Stalin - Morto Stalin, se ne fa un altro (Fra-Gbr, 2017; di Armando Iannucci; 107’; v.o. sott.it)
3/3 h. 18.30 - 6/3 h. 18.30
Baby Driver (Usa-Gbr, 2017; di Edgar Wright; 113’; v.o. sott.it)

10/3 h. 16.15 - 13/3 h. 18.30
Weekend (Gbr, 2011; di Andrew Haigh; 96; v.o. sott.it)
10/3 h. 18.30 - 14/3 h. 18.30
In Bruges (Gbr-Bel, 2008; di Martin McDonagh; 101’; v.o. sott.it)

17/3 h. 16.15 - 20/3 h. 18.30
Fish Tank (Gbr-Ol, 2009; di Andrea Arnold; 124’; v.o. sott.it)
17/3 h. 18.30 - 21/3 h. 18.30
This is England (Gbr, 2006; di Shane Meadows; 101’; v.o. sott.it)

24/3 h. 16.15
Moon (Gbr, 2009; di Duncan Jones; 95’; v.o. sott.it)
24/3 h. 18.30 - 28/3 h. 18.30
Sightseers - Killer in viaggio (Gbr, 2012; di Ben Wheatley; 88’; v.o. sott.it)

31/3 h. 16.15 - 3/4 h. 18.30
Under the skin (Gbr, 2013; di Jonathan Glazer; 107’; v.o. sott.it)
31/3 h. 18.30 - 4/4 h. 18.30
Shame (Gbr, 2011; di Steve McQueen; 99’; v.o. sott.it)