We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
Wednesday
11
APR

Amarcord di Federico Fellini al Cinema Fulgor

21:00
23:30
Cinema Fulgor
Event organized by Cinema Fulgor

Get Directions

Category
#var:page_name# cover

Finalmente il momento tanto atteso è arrivato.
Sul grande schermo della Sala Federico al Cinema Fulgor, mercoledì 11 aprile, verrà proiettato AMARCORD di Federico Fellini (dist. Cineteca di Bologna)
Ad aprire la serata nel foyer musiche, personaggi e un meraviglioso aperitivo in perfetto stile felliniano.

Programma:

20,30 Aperitivo / Buffet /Musiche
21,00 Amarcord (1973) di Federico Fellini



°L'evento è sponsorizzato da:
Pastificio Ghigi
Consulente di immagine: Ma-nifattura (Abbigliamento - Accessori - Manufatti)
Buffet: Osteria de Borg
Birre Amarcord
Vino: Osteria dei Poeti
Hair and make up: Michela Cekko


°Ingresso
8 euro

E' possibile prenotare il biglietto presso la biglietteria del Cinema Fulgor dalle ore 16,30 alle ore 21,30 o chiamare lo 0541/709545 negli stessi orari, fino ad esaurimento posti.



______________________________________________________

Esattamente vent’anni dopo avere raccontato la storia di una fuga dalla provincia in I vitelloni, l’autore ritorna in quel piccolo mondo, ricostruendo gli ambienti della sua adolescenza a Cinecittà e a Ostia. La famiglia che vediamo rievocata nel film è quella dell’amico d’infanzia Titta Benzi e intorno a lui pullula un’umanità descritta con tinte sanguigne e linee grottesche (soprattutto i rappresentanti delle istituzioni, il clero e i gerarchi fascisti), con tenera sensualità (Gradisca) e un’ironia al tempo stesso affettuosa e graffiante. La vitalità delle figure che popolano il film (compresa l’emarginata ninfomane Volpina) cela una sotterranea, profonda malinconia. Il piccolo borgo romagnolo degli anni Trenta riassume una delle più penetranti immagini dell’Italia secondo Fellini: un piccolo mondo immaturo e conformista, succube di un regime becero e mistificatore, o tristemente impotente di fronte alle sue violenze.