We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
Sunday
08
APR

Joca, il 'Che' dimenticato. Incontro con l'autore

17:00
20:00
Rifiutiamoli
Event organized by Rifiutiamoli

Get Directions

Category
#var:page_name# cover

Rifiutiamoli in collaborazione con l'associazione Arci Montefortino 93 dopo oltre 130 giorni di presidio a Colleferro Scalo dà il via alla stagione primaverile sotto gli inceneritori di Colle Sughero con la presentazione del volume del giornalista e scrittore Alfredo Sprovieri: 'Joca, il Che dimenticato'. L'incontro (che si terrà sotto il gazebo bianco di Colleferro Scalo, fronte chiesa di San Gioacchino) sarà un'occasione per riflettere e confrontarsi sulle tematiche dell'impegno civile e politico nella cornice del presidio di Colleferro, in cui i cittadini auto-organizzati sono diventati in questi mesi protagonisti nella difesa della salute pubblica e dei diritti della collettività. Il 'gazebo bianco' è luogo di resistenza attiva e aggregazione sociale e culturale delle soggettività. L'incontro con l'autore sarà quindi un momento per riflettere sugli aspetti simbolici che legano la nostra lotta e la storia di Libero Giancarlo Castiglia e degli altri 69 ribelli che si sono opposti con la guerriglia alla dittatura brasiliana.

La giornata sarà dedicata a Marielle Franco, l'attivista di Rio de Janeiro assassinata lo scorso 14 marzo dalla violenza del potere.

Modera l'incontro Mino Massimei (ARCI).
Interviene l'autore Alfredo Sprovieri.

“Nella vita bisogna fare una scelta. Lo so che questo non è il mio paese, ma c’è la libertà da difendere e se nessuno ci prova le cose non cambieranno mai”. Libero Giancarlo Castiglia emigrò in Brasile dalla Calabria a metà degli anni ’50. Dopo un’esperienza come metalmeccanico a Rio De Janeiro, iniziò a collaborare con la redazione del giornale comunista “A Classe Operaria”. Anni difficili, quelli della dittatura militare che depose con la forza il governo del trabalhista João Goulart: il nuovo governo proibì gli scioperi e nel 1965 mise fuori legge le forze politiche avversarie. Castiglia poteva tornare in Italia, ma decise di lottare. Dopo una fase di addestramento in Cina, conosciuto come “Joca”, si mise al comando di un distaccamento della guerriglia rurale in Amazzonia: in soli 69 contro migliaia di soldati. Dopo anni di epiche battaglie Joca e i suoi vennero sconfitti fra il 1973 e il 1974, e sparirono nel nulla a seguito di un imponente rastrellamento. All’inizio del nuovo millennio, però, in una fossa comune vicina al grande fiume Araguaia, viene ritrovato uno scheletro con le mani mozzate: il governo brasiliano ritiene possano essere i resti dell’italiano e organizza una spedizione in Calabria alla ricerca del suo dna. Ma da quel giorno di speranza ritorna il silenzio, nessuno in tutti questi anni ha mai voluto dare alla sua famiglia quello che gli spetta di diritto: il corpo del proprio caro insieme alla verità sulla sua morte. Una storia, sconosciuta ai più, che ricorda per alcuni tratti l’epopea del “Che”, e su cui il giornalista Alfredo Sprovieri ha deciso di fare chiarezza. Introdotto da Goffredo Fofi, il libro racconta le città e le foreste in cui il Plan Condor inghiottì la meglio gioventù sudamericana. Le due parti del saggio sono precedute e seguite da due brevi incursioni di inchiesta vera e propria che ci riportano al tempo presente e rivelano inediti retroscena sulla vicenda.

Alfredo Sprovieri, classe 1982, proviene da San Pietro in Guarano, in provincia di Cosenza. Si occupa di giornalismo d'inchiesta e reportage, è stato redattore centrale a 'Calabria Ora' e ha scritto per 'Vanity Fair', 'Il Venerdì' e 'la Repubblica'. Attualmente dirige il sito 'Mmasciata.it', fondato come rivista indipendente nel 2002.