We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
Friday
20
APR

Direct Current Method - La Rigenerazione a Malnisio - Convegno

09:30
18:00
Lanificio Paoletti
Event organized by Lanificio Paoletti

Get Directions

Category
#var:page_name# cover

Direct Current Method, la Rigenerazione culturale e funzionale di Patrimonio e Paesaggio.
Venerdì 20 aprile, ore 9.30 - 18.00
Ex Centrale Idroelettrica A. Pitter, Malnisio (Montereale Valcellina, Pn).
www.dolomiticontemporanee.net/DCi2013/?p=20980

---

Un Convegno dedicato ai temi del Paesaggio contemporaneo, alla sua identità complessa ed alle prassi che vi si avviano per valorizzare appieno il potenziale delle risorse territoriali e ambientali, culturali e del Patrimonio d'archeologia industriale.
Il Convegno è aperto al pubblico.

---

Ragionamento, concetto

La riflessione su Paesaggio e Patrimonio, sulle caratteristiche particolari delle Dolomiti Bene Unesco, del territorio montano, sulle criticità e potenzialità loro proprie, viene estesa ai territori in generale, ed alle criticità e potenzialità che caratterizzano una serie di grandi siti abbandonati o sottoutilizzati, presenti nella regione dolomitica e fuori da essa, che costituiscono a loro volta un potenziale residuale rigenerabile per il territorio a cui appartengono, la cui funzione va responsabilmente ridefinita.

Ciò avviene, ad esempio, all’interno della pratica di Dolomiti Contemporanee (DC), che, dal 2011, ripensa e riavvia, con modalità culturali e strategiche peculiari, importanti siti disseminati nella regione dolomitica. Siti che, dopo aver trainato storicamente i propri territori, portando ad essi sviluppo economico e sociale, giacciono ora, da anni o decenni, in stato di criticità, costituendo un problema irrisolto e un’opportunità sprecata.
Ma vi sono, in Italia, molte altre esperienze progettuali significative, che sanno coniugare cultura, rigenerazione, produttività e pratiche rinnovative, costruendo percorsi sostenibili di ripensamento e riuso di strutture storiche rilevanti e di pregevoli manufatti parte del Patrimonio d'archeologia industriale, e rilanciando in modo innovativo i siti stessi, fornendo con ciò un impulso proiettivo al territorio.
Questi siti risultano tutti particolarmente interessanti, possedendo caratteristiche storiche, progettuali, estetiche e di rapporto con il Paesaggio assai particolari, spesso straordinarie.
Essi pongono una relazione forte, talvolta inedita, rispetto a quel contesto che sin dal principio hanno contribuito a caratterizzare, e che oggi possono concorrere a ridefinire, nell'identità e nell'uso.

L’obiettivo è dunque il ripensamento funzionale di risorse analoghe a queste, alla scala generale (Paesaggio) e particolare (rigenerazione del Patrimonio perduto nel Paesaggio).
Ricordiamo la definizione di Paesaggio che dà Edoardo Gellner, architetto-demiurgo dell'ex Villaggio Eni di Corte di Cadore, quale sommatoria di ambiente naturale e lavoro dell'uomo.

L’ex Centrale idroelettrica di Malnisio è un sito straordinario d’archeologia industriale, che oggi già ospita una serie di attività culturali, grazie all’azione dell’amministrazione locale (a ottobre 2017, vi si è svolta la prima edizione del Malnisio Science Festival).
Il sito rientra nell’interesse di DC, per le sue caratteristiche originarie, e per l'approccio rinnovativo al suo rilancio ora in atto.
La politica culturale di DC infatti, è incentrata sul riconcepimento funzionale di siti abbandonati o sottoutilizzati, come le ex scuole elementari di Casso (Erto e Casso, Pn), trasformate nel 2012 nel Nuovo Spazio Di Casso, un Centro per la Cultura contemporanea di paesaggio e territorio, o l’ex Villaggio Eni di Corte di Cadore (Borca di Cadore, Bl), sul quale, nel 2014, è stata attivata la piattaforma di rigenerazione di Progetto Borca.


Direct Current Method (DCM)

La Cultura, intesa come funzione conoscitiva e creativa e progettuale e operativa propria dell'uomo, è un flusso ponderato, non una successione meccanica di misure, pratiche, eventi.
La cultura, che talvolta, o spesso, si riduce invece a pratica sussidiaria o decorativa intermittente, a incidente riempitivo, slegato dalle necessità organiche del territorio, dovrebbe costituire invece un costrutto intellegibile e pienamente operativo, capace di alimentare pratiche virtuose e sostenibili, laddove si pensino e progettino il destino, la co-generazione - o la rigenerazione, dei Paesaggi dell'uomo.

La continuità è un elemento basilare, per chi voglia organizzare o riorganizzare le risorse disponibili, fornendo ad esse (e tramite esse) una prospettiva, alla terra e agli uomini. Continuo è opposto ad estemporaeo: nessuna politica può essere estemporaea.

La corrente continua (nel linguaggio elettrotecnico: Direct Current) garantisce un apporto continuo d'energia: ecco il flusso d'attivazione.

Direct Current Method (DCM): Dolomiti Contemporanee a Malnisio.

All'ex Centrale idroelettrica di Malnisio, l'amministrazione comunale lavora, insieme agli enti territoriali, promuovendo e sostenendo una serie di misure di rilancio e riuso per questa importante struttura, il cui potenziale evidente va trasformato, e il cui utilizzo dovrebbe divenire, per l'appunto, continuo, e non alternato, come invece sovente accade, nei casi in cui i siti vengono affrontati senza un programma adeguato, una visione chiara, una progettualità incentrata su continuità e sostenibilità.
Il Malnisio Science Festival, avviato con la prima edizione nel 2017, si colloca in questo alveo.

Il Convegno Direct Current Method, ribadisce come, anche a Malnisio, la Cultura sia elemento Centrale, capace di generare reti ed aperture, culturali e strategiche, necessarie alla coltivazione e al ripensamento di Paesaggio e Patrimonio.
La Cultura operativa corrisponde a un cavidotto subacqueo, ed un fiume che scorre: e che, talvolta, fa il salto, portando energia ai territori.

---

Programma (dalle ore 9.30 alle ore 18.00)

- Sessione mattutina (dalle ore 9.30 alle ore 13.00)

Saluti istituzionali e programma introduttivo.

L'ex Centrale idroelettrica A. Pitter di Malnisio: Igor Alzetta, Sindaco di Montereale Valcellina.

Cambio di paradigma: la necessità di una visione rinnovativa alla base delle pratiche di governance e sviluppo del territorio – Relatore: Luciano Gallo, Direttore dell'Uti (Unione Territoriale Intercomunale delle Valli e delle Dolomiti Friulane).

Il Malnisio Science Festival – Relatore: Eleonora Gobbato, Assessore al Turismo del Comune di Montereale Valcellina, codirettrice del Malnisio Science Festival.

Riuso del Patrimonio perduto nel Paesaggio dolomitico: il riscatto del Bene attraverso un modello rigeneratore di cultura operativa – Relatore: Gianluca D’Incà Levis, curatore di Dolomiti Contemporanee.

L'affaire Ostana, un caso di rivitalizzazione molteplice – Relatore: Antonio De Rossi, Docente DAD Politecnico di Torino, direttore della Rivista di Architettura montana, scrittore.

prometheus_lab: pratica di rigenerazione del paesaggio remoto attraverso l'esplorazione dell'edibile – relatore: Lorenzo Barbasetti Di Prun, iniziatore del prometheus open food lab, cuoco.

Interventi del pubblico.


- Break buffet (ore 13.00)

Nella Sala Rossa della Centrale Pitter, un buffet viene offerto a relatori e pubblico (a cura di Osteria Al Castelu).
un tavolo tattico viene allestito da Prometheus food lab (cibo per la mente)


- Sessione pomeridiana (dalle ore 14.30 alle ore 18.00)


Politiche di rigenerazione territoriale e del patrimonio industriale - Relatore: Cristina Natoli, MiBACT Soprintendeza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le Province di Bi, No, VCO, VC, membro del direttivo AIPAI.

Centrale Fies a Dro (Tn): un caso d'archeologia industriale rigenerata attraverso l'arte contemporanea - Relatore: Dino Sommadossi, Presidente Centrale FIES art work space.

Trentino Brand New: dalla creazione di nuovi immaginari territoriali a un laboratorio politico – Relatore: Virginia Sommadossi, project developer Centrale Fies.

Il Lanificio Paoletti di Follina (Tv): rilancio dell'attività storica e impresa creativa – Relatore: Paolo Paoletti, ceo Lanificio Paoletti.

Il Centro Studi Ambiente Alpino di san Vito di Cadore: modalità della ricerca, reti e pratiche di coprogettazione territoriale – Relatore: Tommaso Anfodillo, coordinatore Centri Studi Ambiente Alpino Università degli Studi di Padova, Dipartimento TESAF.

Interventi del pubblico.

Chiusura dei lavori.

---

Info:

press@dolomiticontemporanee.net info@dolomiticontemporanee.net

www.dolomiticontemporanee.net
www.vallidolomitifriulane.utifvg.it
www.malnisiosciencefestival.com
www.centralefies.it
www.lanificiopaoletti.it
http://intra.tesaf.unipd.it/Sanvito/Index.asp
www.dolomitiunesco.info
www.progettoborca.net/prometheus-open-food-lab-expedition-1

---

L’evento si realizza con il contributo della Regione Friuli Venezia Giulia, in collaborazione con la Fondazione Dolomiti Unesco e il Comune di Montereale Valcellina.