We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
Tuesday
10
APR

Che Succede In Brasile? Incontro Con Ernesto Puhl Dirigente MST

18:00
21:00
Ex OPG Occupato - Je so' pazzo
Event organized by Ex OPG Occupato - Je so' pazzo

Get Directions

Category
#var:page_name# cover

Martedì 10 aprile, alle ore 18.00, all’Ex Opg Je so’ Pazzo, incontro Ernesto Puhl, dirigente del movimiento sem terra ( MST )

Che succede in Brasile? In questi giorni si vivono momenti chiave per la storia del gignte latinoamericano. Lula, ex operaio ed ex presidente verdeoro, è stato arrestato. Lula, ex operaio ed ex presidente verdeoro, è stato arrestato. Un giudice ne ha infatti chiesto l’incarcerazione – sebbene non siamo ancora all’ultimo grado di giudizio – per corruzione. E fin qui potrebbe sembrare una storia lineare. Sei un politico, ergo un corrotto. Rubi. Interviene la magistratura, contraltare al potere esecutivo, e riporta un po’ di giustizia. Peccato che la situazione sia molto più complessa e dietro il mandato di arresto di Lula non ci siano solo motivazioni tecniche.

Lula, oggi, a due anni dal golpe istituzionale che ha deposto l’ex presidentessa Dilma Rousseff e ha portato Michel Temer alla carica più alta dello stato brasiliano, è più di un personaggio politico. Non è semplicemente uno “famoso”. In un paese che vive profonde riforme neoliberiste che stanno mutando lo scenario e peggiorando le condizioni di vita di milioni di persone, in un mare di violenza contro chi difende gli interessi degli ultimi – vedi l’esecuzione di Marielle Franco – Lula è l’incarnazione di un simbolo. Figura intorno alla quale stanno tornando ad agglutinarsi milioni di persone, in cerca di un riscatto e a dispetto di anni di governo in cui non tutto è stato bene. E per questo è al centro dell'attacco repressivo degli apparati statali brasiliani. Lula non deve ricandidarsi, perché rischia di vincere. E potrebbe intralciare i piani che i grandi capitali hanno in mente per il Brasile.


Guarderemo a tutto questo attraverso lo sguardo e le parole del Movimiento Sem Terra, uno dei movimenti sociali più longevi (nasce ufficialmente nel 1984) e grandi al mondo, con un milione e mezzo di iscritti. Uno di quei movimenti che ha messo al centro della propria iniziativa politica l’azione diretta, con l’occupazione delle terre da parte di centinaia di migliaia di famiglie brasiliane, e la costruzione di una società diversa a partire già da oggi, senza attendere la che arrivi l'ora X. Il MST ha promosso l’alfabetizzazione di milioni di persone, ha costruito vere e proprie città in cui le regole di funzionamento sono innovative in termini di parità di genere, educazione popolare, solidarietà reciproca. Il MST nel suo lavoro sociale e politico quotidiano è prefigurazione di un mondo migliore. Qualcosa per cui anche noi qui, dall’altra parte del mondo, con altri mezzi e altre parole, lottiamo ogni giorno.


Dall’incontro con Ernesto Puhl, dirigente del MST dello Stato di Santa Catarina (Brasile) e uno dei protagonisti dei progetti di educazione popolare, parleremo di Lula, del ruolo della magistratura e della rete Globo, il grande conglomerato mediatico brasiliano, nato negli anni della dittatura militare e oggi principale attore politico reazionario del paese. Ma anche di cosa significhi quello slogan dei Sem Terra, tanto bello a sentirsi e tanto forte: “lottare sempre”.


Ci vediamo martedì 10 aprile, alle ore 18.00, all’Ex Opg Je so’ Pazzo di Napoli!