We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
Saturday
28
APR

L’origine: un concetto narrativo | Paolo Spinicci

10:00
13:00
Comuna Baires Teatro
Event organized by Comuna Baires Teatro

Get Directions

Category
#var:page_name# cover

SAFFO

S P E R I M E N T A Z I O N I

A R T I S TI C H E

F I L O S O F I C H E

F U O R I

O R B I T A


SAFFO giunge alla seconda Edizione, dopo la fertile esperienza del primo ciclo dedicato al tema "Qual è l'origine dell'opera d'arte" che ha visto coinvolti Antonio Attisani, Florinda Cambria, Elio Franzini Carlo Serra, Carlo Sini e Paolo Spinicci, quest'anno, proseguiamo la nostra indagine in riferimento alla genesi dell'opera.
Abbiamo chiesto ai filosofi F. Cambria, C. Melica, C. Serra, C. Sini e P. Spinicci di prendere spunto dalle parole di Rainer Maria Rilke per sondare la

"NOSTALGIA DELL'ORIGINE"


Di seguito i prossimi incontri



28 Aprile

PAOLO SPINICCI

"L’ORIGINE: UN CONCETTO NARRATIVO"

C’è un fatto: cose, eventi e persone hanno un’origine e una fine nel tempo. Ma la narrazione interviene
su questo fatto e lo dispone secondo una prospettiva retrograda:
l’origine appare così alla luce della meta
della narrazione e si pone quindi come il prodotto di una prassi immaginativa,
come una finzione cum fundamento in re.


-----------------------------------------------------------------


19 Maggio

CLAUDIA MELICA

"L'UMANESIMO ESTETICO DI FRIEDRICH SCHILLER"

L’intervento ha per fine l’analisi di alcuni temi espressi nell’opera lirica
e filosofica di Schiller con particolare riguardo alle Lettere sull’educazione estetica.
Rispetto ai suoi contemporanei tedeschi, Schiller assume una posizione originale sulla questione della “nostalgia dell’origine” rivolta a celebrare un luogo del passato come l’antica Grecia.
La novità del cosiddetto “classicismo” di Schiller risiede nel tentativo di recuperare alcuni ideali greci
per attualizzarli, tramite la trasformazione dei parametri culturali,
nel mondo moderno.
È grazie all’eminente funzione educatrice, etica e politica dell’arte
nella società che può avvenire un miglioramento interiore dell’individuo
come essere umano.
È compito dell’arte (in tutte le sue forme) saper rintracciare la propria vera origine: l’educazione dell’umanità.
L’esito ideale di tale percorso è la formazione di uno Stato estetico
in cui, per mezzo del lavoro di civilizzazione sociale attuato dall’artista, ogni uomo saprà comprendere la propria destinazione morale e spirituale.


---------------------------------------------------------------

16 Guigno

CARLO SINI e
FLORINDA CAMBRIA

"MASCHERE DELL'ORIGINE"

Le maschere sono oggetti strani:
non si sa mai se nascondono un volto,
un vuoto o solo il loro rovescio.
Guardare in faccia l'origine,
la scaturigine di ogni provenienza,
vuol dire attraversare il gioco delle sue maschere,
Gioco di svelamento dagli esiti incerti.
Se "la natura ama nascondersi",
anche l'origine difficilmente può disgiungersi dalle sue maschere.
Mascheramento e rivelazione sono
i due lati di un medesimo gesto originante.
Qual è il mobile confine che di uno fa due e di due uno solo?

-------------------------------------

Un sabato al mese,
dalle 10.00 alle 13.00


ISCRIZIONI
FINO A ESAURIMENTO POSTI
fe@fabbricaesperIenza.it