We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
Thursday
05
APR

Percorso formativo "Punire, rieducare, riparare?"

17:00
19:00
Fondazione Franco Demarchi
Event organized by Fondazione Franco Demarchi

Get Directions

Category
#var:page_name# cover

Punire, rieducare, riparare? - Riflessioni sulla sanzione penale oggi in Trentino

Il tema della sicurezza dei cittadini è all’ordine del giorno della cronaca, anche locale, e del dibattito politico. Le informazioni offerte dai mass media e le discussioni sui social network - spesso semplicistiche - non danno però conto della realtà così come è, e la rappresentazione rischia di essere falsata.

Il percorso di propone di offrire uno sguardo critico e riflessivo sull’argomento a partire da dati e storie concrete.

“Come si risponde al male?” e “qual è l’efficacia delle attuali misure sanzionatorie per la sicurezza dei cittadini?”.

Su queste domande il percorso vuole riflettere con i partecipanti e affrontare il tema della “sanzione penale” sia dal punto di vista teorico (modelli di sanzione in ambito della Costituzione e delle norme penali) sia dal punto di vista pratico (quali sono i percorsi che concretamente vengono proposti a chi è stato giudicato colpevole di reato) con una particolare attenzione anche ai modelli alternativi già presenti nell’ordinamento.

OBIETTIVI

* Informare sui fondamenti costituzionali e normativi relativi alla sanzione penale

* Offrire la possibilità di ascoltare dalla viva voce testimonianze dirette di persone che hanno avuto l’esperienza della detenzione, di operatori del settore, di volontari

* Aprire un dialogo e una riflessione sull’efficacia delle misure sanzionatorie

* Offrire una visione alternativa della giustizia penale, anche in chiave riparativa

CONTENUTI

Il percorso si articola a partire dall’esperienza del carcere come luogo in cui vengono reclusi coloro che sono stati condannati a scontare una pena, e partendo dalle norme e dalle esperienze concrete, si interrogherà sul senso e sull’efficacia dei percorsi di restrizione della libertà.

Via via si apre ad esplorare le modalità alternative previste dalla legge e proporrà infine un’apertura verso il paradigma della giustizia riparativa.

L’ultimo incontro è dedicato alla riflessione del rapporto del territorio con il suo carcere.


1° incontro – giovedì 5 aprile - La pena cattiva non serve. Una pena sensata si può.

Introduzione a cura di Fulvio Cortese. L’articolo 27 della Costituzione.

L’esperienza di “Ristretti Orizzonti” come percorso di rieducazione.

Dialogo con Ornella Favero e ascolto di testimonianze di persone detenute di Padova e di Trento

2° incontro – giovedì 12 aprile - La scuola e il lavoro come strumenti di rieducazione

Gloria Cannone – Lavorare dentro e oltre il carcere. Una valutazione dell’efficienza e dell’efficacia. e testimonianza di un operatore di una cooperativa sociale

Amedeo Savoia – La scuola in carcere come strumento per riprogettarsi e testimonianza di uno studente del carcere di Trento

Testimonianza e riflessione di una persona che è stata detenuta a Trento

3° incontro – giovedì 19 aprile - Modelli di sanzione a confronto

Antonia Menghini Le misure alternative al carcere come modello: l’esecuzione penale esterna.

Direttrice UEPE Bolzano, Katia Sartori. L’efficacia delle misure alternative in pratica.

Testimonianza di una persona che sta scontando una sanzione in misura alternativa

4° incontro – giovedì 26 aprile - Giustizia retributiva e giustizia riparativa

Loris Forti: La giustizia nonviolenta nel pensiero di Paul Ricoeur

Daniela Arieti: La mediazione penale come strumento di giustizia riparativa: l’esperienza dello sportello per la mediazione penale di Trento

5° incontro – giovedì 3 maggio - La città di Trento e il carcere

Incontro con figure istituzionali della casa circondariale di Trento, rappresentanti del servizio attività sociali della Provincia e del Comune di Trento, testimonianze di volontari e operatori del terzo settore

METODO/APPROCCIO:

Gli incontri saranno condotti con un metodo dialogante.

Le riflessioni teoriche, utili allo scopo di offrire paradigmi di lettura saranno proposte a partire dalle testimonianze dirette.

In ciascuno incontro sarà favorito il dialogo con i partecipanti.

Il percorso è gratuito e libero, ma è gradita una mail di iscrizione all'indirizzo: Associazione Dalla Viva Voce - dallavivavoce@gmail.com
Per informazioni - Antonella Valer 348 481 482 0