We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
Friday
13
APR

Gianni Lamagna in concerto | Dicimmancello nuje

21:30
00:30
l'Asilo
Event organized by l'Asilo

Get Directions

Category
#var:page_name# cover

Il terzo appuntamento di Dicimmancello Nuje, la rassegna sulla canzone napoletana di scena a l'Asilo, ha come protagonista Gianni Lamagna, figura di primo piano per la musica partenopea nel mondo e componente della Nuova Compagnia di Canto Popolare, accompagnato dal chitarrista Gianluca Marino.

Cantante e attore nato a Napoli (classe 1954), debutta nel 1972.
Nel 1979 entra nella compagnia di Roberto De Simone, e inizia uno studio sulla vocalità che gli permetterà di cantare la musica sacra e quella di tradizione, le arie antiche e la musica contemporanea.
In seguito, partecipa alla maggior parte dei lavori del Maestro, da quelli teatrali-musicali: La Gatta Cenerentola, L’opera Buffa del Giovedì Santo, Il Canto de li Cunti, Il Drago, Dedicato a Maria, Le 99 disgrazie di Pulcinella, L’Opera dei Centosedici etc., a quelli operistici: Piedigrotta, Crispino e la Comare, Requiem per Pasolini, Stabat Mater, Carmina Vivianea, Cantata per Masaniello, Le Cantatrici Villane.
Nel 1980 è tra i fondatori del gruppo Media Aetas, e partecipa a moltissimi festival internazionali in Italia e all’estero (Germania, Francia, Spagna, Israele, Russia, Iraq, U.S.A., Brasile, Algeria, Messico, Argentina).
Dal 1991 collabora con Antonello Paliotti, musicista e compositore con il quale ha realizzato i recital: S’io fosse, DediCanto, Amate Cantate, Coppola Rossa e Le Forme Incantate, presentati, con grande successo, in Italia e all’estero.
Nel 1996 fonda l’associazione di Musica in Musica per promuovere nuove iniziative nell’ambito della diffusione della musica e per la riscoperta dei talenti emergenti tra le nuove generazioni. Negli anni successivi partecipa alla rassegna di musica contemporanea Performance intorno a Warhol, è la voce nel disco Condannati a vagare sui mari del Colin Muset Ensemble, è solista e voce recitante nel concerto Lauda Intorno allo Stabat, solista nel concerto Vox Animae con Mariano Rigillo e i Solisti del Teatro San Carlo di Napoli.
Nel 1997 inizia ufficialmente la collaborazione con la Nuova Compagnia di Canto Popolare (Sanremo ’98, Malelingue Tour N.C.C.P. & 99 Posse, Li Saracini adorano lu Sole) e da quella data collabora fattivamente alla intensa attività concertistica che il gruppo svolge in Italia e nel mondo.
Nel 1999 in collaborazione con l’associazione Misenvm da’ vita alla rassegna musicale Aperture, musica nei luoghi negati appuntamento annuale di cui è direttore artistico.
Nel 2000/01/02 è ancora al fianco di Mariano Rigillo nel Concerto Spettacolo Simme Zingare di Raffaele Viviani. Protagonista nel Concerto Il Musicista Segreto nel bicentenario della morte di Domenico Cimarosa.
Nel 2003 è tra i protagonisti dell’evento I Maledetti del 900 con, tra gli altri, S. Rubini, A. Haber, Tito Schipa jr, Monica Scattini, ed è l’autore del progetto sulle musiche dell’emigrazione italiana: Maremigrante.
Nell’aprile del 2004, presenta il nuovo recital Le Forme Incantate all’inaugurazione delle manifestazioni di “Maggio dei Monumenti” e a dicembre, dello stesso anno, il concerto Racconti e Musiche per i Giorni di Natale.
Nel Maggio 2005 pubblica il CD I Cottrau a Napoli che in seguito diventa un evento live, presentato nel mese di settembre 2005 al Museo di Capodimonte.
Nell’aprile del 2006 è l’autore del progetto Madri dolorose, veglia in musica e parole per le ore della passione, per soli, orchestra e voce recitante. In maggio 2006 è protagonista del concerto Nei Mari della Luna, sogni di musica nell’800 e… oltre. Nell’estate dello stesso anno porta le sue Forme Incantate in luoghi prestigiosi in Italia e all’estero e collabora alla realizzazione di uno spettacolo in omaggio al Quartetto Cetra intitolato A la manière de… il Quartetto Cetra. Nel dicembre 2006 riconferma con grande successo l’ormai consolidato evento Racconti e Musiche per i Giorni di Natale giunto alla sua quarta edizione.
Dal 2007, con Liliana De Curtis, realizza il concerto Concerto per un Principe chiamato Totò, omaggio dedicato al principe Antonio De Curtis. Nel 2009 realizza il concerto di Mare e di Amori nato per la mostra a Villa Pignatelli sulla figura del grande scultore napoletano Vincenzo Gemito. Nel 2010 realizza il concerto dell'Amore e della Luna, con musiche e canzoni dalla tradizione e nuove composizioni.
Il 20 giugno 2015 pubblica l'album Neapolitan Shakespeare - diciassette17 sonetti musicati e tradotti in napoletano.

---------------------

"Dicimmancello nuje" è una rassegna che mira a ridar voce al repertorio vocale in lingua ed a farlo in una maniera critica e cosciente, staccandosi dall'immagine di vetrina che troppo ha contraddistinto l'esecuzione del canto partenopeo ed approcciando con rispetto e profondità alla storia antica, moderna e contemporanea della canzone a Napoli.
“Dicimmancello nuje”, perché i concerti sono rivolti alla città, a noi stessi che spesso tendiamo a dimenticare il nostro passato. Il tutto all'Asilo, nel cuore di questa città che vuole far rivivere con dignità e spessore ciò che ha partorito nella sua storia artistica.

per maggiori info sull'evento e sull'intera rassegna consulta il sito: http://www.exasilofilangieri.it/dicimmancello-nuje/

/// A l’Asilo i concerti, gli spettacoli, le proiezioni, gli incontri sono ad ingresso libero. È gradito un contributo a piacere che serve ad abbattere le spese minime e a dotare gli spazi dei mezzi di produzione necessari ai lavoratori dello spettacolo, dell’arte e della cultura per portare avanti la sperimentazione politica, giuridica e culturale avviata a l’Asilo.

Venue

l'Asilo