We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
Friday
13
APR

Sonata d'Autunno

21:00
19:00
Corte dei Miracoli
Event organized by Corte dei Miracoli

Get Directions

Category
#var:page_name# cover

"Sonata d'Autunno"
liberamente tratto da Sinfonia d'Autunno di Ingmar Berman

Drammaturgia e Regia di Tiziana Bergamaschi
con
Stefania Bregoli, Chiara Costrivio, Nadia Santamaria
13 e 14 Aprile 2018, ore 21
15 Aprile 2018, ore 17

La Corte dei Miracoli
Via Mortara 4, Milano
info e prenotazioni: sonatadautunno@gmail.com
biglietto: 15 euro

Si ringraziano per la gentile collaborazione artistica: Lara Guidetti e Dario Leone

Note di Regia:
"Un testo e un film di grande portata emotiva. I personaggi che lo popolano sono una madre, Charlotte, e due figlie, Eva e Helena, che rappresentano il suo fallimento come pianista e come donna. Uno spazio affascinante, la Corte dei Miracoli, che ci ha ispirato e attorno al quale abbiamo costruito appositamente lo spettacolo. La musica e il silenzio, il detto e il non detto, l’odio e l’amore, la malattia e il dolore, l’arte e la vita sono i temi che s’intrecciano in quest’opera, creando un magma emotivo che coinvolge e attrae nel suo vortice. Il pubblico a stretto contatto con le attrici si trova circondato e avvolto da questa storia che ci appartiene e che ci fa dire con Eva: “Non si finisce mai di essere una madre e una figlia”. I rapporti complessi e la resa dei conti che in una notte d’insonnia evidenziano le verità delle tre donne, ci pongono domande a cui è difficile rispondere con la logica o decidendo a chi addossare la maggior colpa. Possiamo solo prender atto che a volte la comunicazione diventa difficile e distrugge i rapporti umani, le parole nascondono insidie e il linguaggio del corpo mostra il non detto. I personaggi femminili, disegnati magistralmente, orchestrano con fluida ricchezza e autenticità di sfumature un groviglio di sentimenti che non troveranno soluzione in questo incontro, pur aprendo a possibili nuovi scenari. La lezione che ci si chiede d’apprendere è di non nascondere la tenerezza, non innalzare muri, ma cercare di comprendere e amare il prossimo partendo da chi più ti è vicino."