We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
Thursday
19
APR

Andrea Biscàro presenta il Libro Il Maciste di Porta Pila

18:00
23:30
Leginestre JazzClub
Event organized by Leginestre JazzClub

Get Directions

Category
#var:page_name# cover

Le Ginestre Jazz Club Presenta :
La presentazione Del libro di Andrea Biscàro " Maciste di Porta Pila"
ingresso gratuito - prima consumazione 5 Euro compreso di Apericena .

Presentazione :
“Torino, anni ‘60. La “capitale dell’automobile” necessita di lavoratori per crescere: l’immigrazione. Tra i tanti che salirono al Nord, uno si chiamava Gioacchino Marletta alias Maurizio, siciliano. A differenza di altri, venuti su col miraggio del posto fisso, Maurizio vive interpretando il ruolo dell’ultimo artista di strada della tradizione portapalatina. Diventerà il Re di Porta Palazzo, il Maciste di Porta Pila, intrattenendo il pubblico, la domenica mattina, sollevando una pesante pietra, spaccando le maglie di una catena attorno al petto, sfidando coreograficamente gli astanti a fare altrettanto. Una degna introduzione del personaggio può coincidere con la sua personale filosofia di vita, tutta contenuta in una massima che potremmo definire Maciste-pensiero: «più sollevi più uomo sei, meno sollevi meno uomo sei». Questa perla di saggezza ci spalanca le porte su un mondo di confine, tratteggiando a tinte forti e quantomai originali questa sorta di clochard nostrano che ha trascorso gli ultimi anni della sua vita in via Bra, una delle vie della Torino popolare che in Porta Pila aveva ed ha il suo cuore pulsante.
A Porta Palazzo era Maciste che incantava più di tutti. Ogni volta che si esibiva sulla piazza c’erano sempre numerose persone a vederlo. Alto, robusto, con masse incredibili di muscoli e lunghi riccioli scuri. «Maurizio – ricorda il regista Ferrante, che lo riprese nel cortometraggio Uomo della Pietra – poteva parlare di un regno. Era una specie di cavaliere libero che aveva scelto di non dover chiedere niente a nessuno, soltanto al popolo che gli gettava le monetine. Era una vita di stenti, però non aveva un padrone».”