We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
Wednesday
04
APR

A che punto è la città?, a cura della rivista "Gli Asini"

20:30
22:30
Libreria modo infoshop
Event organized by Libreria modo infoshop

Get Directions

Category
#var:page_name# cover

A che punto è la città?
Bologna dalle politiche di «buongoverno» al governo del marketing
a cura del gruppo bolognese della rivista "Gli Asini", illustrato da Elena Guidolin e Andrea Settimo
Edizioni dell'asino

Matteo Marchesini ne parla con i curatori.

Bologna è da sempre associata al “buongoverno”, una parola che evoca concrete esperienze di governo locale ma anche rappresentazioni mitizzate. Oggi quella parola ha perso qualsiasi significato ed è stata sostituita da formule puramente retoriche: parole ricorrenti nel discorso pubblico, come partecipazione e rigenerazione urbana, oppure l’evocazione di modelli di sviluppo apparentemente promettenti sul piano economico ed occupazionale (la città del cibo, la città del turismo), hanno un significato opposto rispetto a quello evocato e nascondono la subalternità e l'impotenza dei poteri pubblici.
Queste retoriche e le pratiche che le accompagnano rendono difficile l’interpretazione della rapida trasformazione della città. Ricostruire un pensiero critico e un’intelligenza collettiva è quindi un compito urgente. Queste pagine vogliono contribuire a questo processo, nel quale si incontrano teoria e prassi.

La rivista "Gli asini", nata ​nel 2010 ​
dall'iniziativa di un gruppo di operatori culturali e sociali impegnati in diversi ambiti dell’educazione, della formazione e dell’intervento sociale accomunati da un’idea “forte” di educazione intesa come fondamentale dimensione di raccordo tra cultura e morale, tra individuo e comunità, ha di recente cambiato formato e periodicità (diventando mensile)​ ed ha allargato il suo sguardo, dedicando anche una forte attenzione alla dimensione internazionale.

Matteo Marchesini h​a collaborato a un annuario di poesia curato insieme a G. Manacorda e P. Febbraro. Già autore di libri per ragazzi, tra le sue pubblicazioni si ricordano: un libro di racconti intitolato Le donne spariscono in silenzio (2005), il ritratto-guida Perdersi a Bologna (2006), le poesie di Marcia nuziale
(2009), le satire di Bologna in corsivo. Una città fatta a pezzi (2010), i saggi letterari Soli e civili (2012) e Da Pascoli a Busi. Letterati e letteratura in Italia (2014). Del 2013 è il suo primo romanzo Atti mancati, candidato al Premio Strega dello stesso anno, mentre è del 2017 la raccolta di tre romanzi brevi False coscienze. Tre parabole degli anni Zero. Attualmente collabora tra l’altro con Radio Radicale, Il Foglio e Il Sole 24 Ore.