We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
Friday
20
APR

Dissonanze

18:30
22:30
Magazzini Artistici Pennazzi
Event organized by Magazzini Artistici Pennazzi

Get Directions

Category
#var:page_name# cover

Nel contesto della manifestazione AnconaCrea, giunta alla sua IV edizione, il 20 aprile 2018 alle ore 18:30 verrà aperto Map 120, Magazzini Artistici Pennazzi, per lo studio visit dal titolo “Dissonanze”.

Map 120 è un luogo del fare, uno studio che diventa spazio per l’incontro e lo scambio tra gli artisti. 170 metri quadri dove nutrire, attrarre e sostenere la sperimentazione e la ricerca artistica contemporanea.
Con questa vocazione l'artista Monica Pennazzi decide di aprire il suo studio-atelier, ricavato dalla riqualificazione di un vecchio magazzino commerciale situato in via Isonzo 120, zona della città che durante il ‘900 si è trasformata da campagna a centro cittadino.
In questo luogo la dimensione privata del processo creativo si confronta con la valenza pubblica dell’arte, interrogando le diverse esperienze degli interpreti del panorama nazionale e internazionale.
Per la seconda volta Map 120 aprirà la saracinesca al pubblico per mettere in mostra due grandi istallazioni site specific: La Teoria della Linea di Monica Pennazzi e Trittico di Alberto Timossi. Quest'ultimo ritorna a esporre in uno spazio circoscritto dopo gli ultimi lavori di land art dal forte impatto visionario, mentre la prima è pronta a esibire il suo ultimo e imponente lavoro che l’ha vista per molti mesi impegnata nella tessitura di 12.000 metri di filo. Le due opere dominano l’ambiente che le circonda, impongono a chi le incontra di osservarle attentamente e allo stesso tempo di lasciarsi guardare da loro. Si rimane inclusi nelle complesse trame ariose della Pennazzi e ci si sente indifesi al cospetto dalle icone monolitiche di Timossi. I testi critici sono a cura di Marco Tittarelli.

Dissonanze è un passo a due che non segue un’armonia definita, è un confronto che accresce i due artisti e li spinge a trovare un ritmo comune, un accordo tra dinamismo formale e monumentale staticità.