We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
Thursday
12
APR

IL CUORE CHE CANTA

10:00
19:00
Open Space for Arts
Event organized by Open Space for Arts

Get Directions

Category
#var:page_name# cover

IL CUORE CHE CANTA
a cura di Fabio Pagano

DAL 12 APRILE AL 15 APRILE
presso Open Space for Arts
Via dei Priori 77

12 - dalle 10 alle 14
13 - dalle 15 alle 19
14 - dalle 15 alle 19
15 - dalle 15 alle 19

«gli Indù dicono che l'era in cui viviamo è il Kali Yuga, l'era della distruzione, e che siamo così sprofondati nel materialismo enella guerra, nella materia, che non c'è assolutamente via d'uscita per mezzo dell'intelletto, il pensiero, la disciplina, la pratica, le buone opere – nessuna via d'uscita con la volontà o i nostri sforzi. La sola via d'uscita, dicono, è attraverso Bhakti Yoga, che è Fede – Speranza – Adorazione – Venerazione, vale dire pura gioia. L'unica via per salvarti è cantare.»
(traduzione Mario Biagini)

Il laboratorio in questione parte dal fatto che: siamo qui in questo spazio pronti per far sorgere da qualche angolo oscuro le note di un canto. Canto non lasciato nella sua caoticità della vita ma accompagnato in un territorio di condivisione sottile, di un ascolto con domande sorte dalla organicità del corpo. Canto come manifestazione del "tra me e te". Atto partecipativo.
Ogni partecipante porterà con sè i suoi canti, quelli a cui tiene maggiormente, legati alla sua terra d'origine, alla tradizione, alla sua infanzia.
Inoltre il laboratorio mirerà a scoprire i potenziali creativi di ciascun partecipante attraverso un lavoro sulla relazione tra precisione ed organicità, lavoro corale e lavoro individuale, training fisico. Si chiede ai partecipanti oltre che portare abiti comodi anche un canto legato possibilmente alle tradizioni

Gli aspetti tecnici che si esploreranno sono:�
- Canto.�- Vibrazione della voce.�- Consapevolezza dello spazio e reazioni ai suoi elementi costitutivi.�- Improvvisazione: impulsi / mente vigile.�- Improvvisazione all'interno di una struttura.�� �Il laboratorio è aperto a tutti coloro che desiderano approcciarsi al canto.

�Chi fosse interessato a partecipare, può inviare una email con il proprio C.V. All'indirizzo mail: fabio.pagano.01@gmail.com

Fabio: 3293106801

FABIO PAGANO
Nato a Napoli il 26 ottobre del 1981, dopo essersi diplomato all'istituto tecnico come geometra si iscrive alla facoltà di lettere e Filosofia all'università di Pisa al corso di Laurea CMT (Cinema, Musica e Teatro), conseguendo il diploma nel 2006. Durante gli studi del primo anno inizia a frequentare il teatro e la danza partecipando sia alla visione di spettacoli che a laboratori con i diversi maestri della scena italiana, tra cui la Compagnia Abbondanza-Bertoni e i Motus e Raffaella Giordano (Sosta Palmizi). Proprio quest'ultima lo porta a far parte di una nuova sua creazione dal titolo “Cuocere il mondo” che viene portato in turnè tra Francia e Italia. Subito dopo questa esperienza fa parte per la durata di un anno (2008) al Workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards.
In seguito parteciperà come interprete a molte creazioni sia dall'inizio del percorso che da sostituto.
Intreprete per quattro anni della compagnia ALDES del coreogrago Roberto Castello con “Carne Trita”, “Scene da un matrimonio”, “Movimenti Urbani”, la trasmissione televisiva su Rai Tre “Vieni Via Con Me”.
Altri lavori con il Regista/Attore Valentino Infuso con “Sushidio”, con la coreografa Chiara Frigo con “Nonsostare”, con la coreografa Ambra Senatore in “Passo”, il Teatro Valdoca in “Cage's Parade”.
Ultima partecipazione come interprete con il coreografo Giorgio Rossi (Sosta Palmizi) in “La Felicità”.
Nell'anno 2016 crea il suo primo spettacolo "Amateurs", tratto dalla storia medievale di lancillotto e Ginevra.
Per dare animo alla sua passione per il cinema partecipa negli anni anche a un lungometraggio “Fuori Gioco”, un Mediometraggio “La Passeggiata” entrambi di Federico Monzani e un Cortometraggio “La Favola Bella” del Regista Leonardo Ferrari Carissimi.