We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
Monday
09
APR

Developing new maps: contemporary art in Milan

16:15
17:45

Get Directions

Category
#var:page_name# cover

Milan has always been one of the most relevant cities in the field of cultural production, in Italy and beyond. But how has its role changed from the 60s until today? How the city managed any transformations in the global scenario, especially if we talk about contemporary art? From the boom of art galleries during the '60s until the explosion of the private foundations, the lesson would like to provide any basic tools for the construction of a benchmark with the aim of mapping the art presence in the city.

Santa Nastro (1981) studied at the Academy of Fine Arts - Brera and History of Art at the University of Bologna. She is an art critic, journalist and professional in communication. Currently Santa Nastro is the editor in chief of the magazine Artribune. Also she is the Head of Communication of the Foundation Pino Pascali and collaborates with Demanio Marittimo.KM-278 directed by Pippo Ciorra and Cristiana Colli. From 2014 - 2017 she was the Press Officer of the American Academy in Rome. Between 2006-2011 she was involved in the organization of the festival of Contemporary art in Faenza, directed by Angela Vettese, Carlos Basualdo, Pier Luigi Sacco. Between 2005- 2011 she has collaborated with the magazine Exibart. She published articles and essays on Maxim, Fashion Trend, Corriere della Sera, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia. She currently collaborates with the american magazine Artpulse.

***
Milano è da sempre una delle città più rilevanti nell'ambito della produzione culturale in Italia e non solo. Ma come è cambiato il suo ruolo dagli anni '60 ad oggi? Come ha saputo riconfigurarsi nello scenario globale, soprattutto se parliamo di arte contemporanea? Dalla nascita del tessuto delle gallerie private alle grandi fondazioni, fino agli spazi multidisciplinari, l'intervento fornirà gli strumenti base per la costruzione di un benchmark che mappi le realtà dell'arte in città.

Santa Nastro (1981), laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.

Venue

openside