We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
Thursday
19
APR

Doiket - noi stiamo qui ora! presentazione libro

17:30
20:00
ANPI Roma
Event organized by ANPI Roma

Get Directions

Category
#var:page_name# cover

Verso la fine del 1800, gli operai ebrei erano esclusi dalle industrie più avanzate, occupati nelle fabbriche che richiedevano mano d’opera ad alta intensità, in pessime condizioni di lavoro e bassi salari dove la fame, le malattie e l’assenza di assistenza sanitaria li poneva sui gradini più bassi della scala economica e sociale delle società. Gli operai ebrei dovevano così affrontare, come lavoratori e come ebrei, i più elevati livelli di discriminazione della società russa.
In queste condizioni nasceva il gruppo ebraico rivoluzionario che dette vita al processo di emancipazione delle masse operaie ebraiche e russe. L’Unione Generale degli Operai Ebrei di Lituania, Polonia e Russia (in yiddish “Der Algemeyner Yidisher Arbeter Bund in Lite, Poyln, un Rusland”), nota come Bund fu fondata a Vilnius nel 1897 da un gruppo di Ebrei, influenzati dal socialismo, il cui obiettivo era quello di attirare gli Ebrei della Russia nell’emergente movimento rivoluzionario e abbattere lo zar.
Il Bund lottò a fianco degli operai per il miglioramento delle loro condizioni di vita; entrò nel movimento rivoluzionario come sezione autonoma con il diritto di prendere decisioni in tutte le questioni specificatamente ebraiche.
Il Bund fu fra i fondatori del Partito Social Democratico Operaio Russo (PSDOR), determinò le condizioni per la rivoluzione russa del 1905 e per la rivoluzione di febbraio e di ottobre del 1917 contribuendo in maniera determinante alla caduta dell’impero zarista, di cui quest’anno si celebra il centenario insieme al 120° anniversario della nascita del Bund.

Massimo Pieri, fisico, matematico, è stato un leader del ‘68. Esperto di sostenibilità e bioeconomia, partecipa ai lavori di diverse Convenzioni su Ambiente e Sviluppo delle Nazioni Unite. È autore di varie pubblicazioni fra cui Maledetta Isabella, maledetto Colombo. Gli ebrei, gli indiani, l’evangelizzazione come sterminio, Dossier Biodiversità, Desertificazione e Parchi-agro ecologici, Red triumph over the expert.