We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
Thursday
19
APR

Il linguaggio della dance come esperienza del pop senza tempo

18:30
20:30
SAE Institute Milano
Event organized by SAE Institute Milano

Get Directions

Category
#var:page_name# cover

Siamo lieti di presentarvi un incontro, gratuito ed aperto a tutti gli appassionati di musica elettronica, di analisi del linguaggio della musica dance come esperienza del pop senza tempo.

Ospiteremo per l’occasione, come relatore dell’incontro, Vincenzo Callea, uno dei dj producer italiani più conosciuti ed apprezzati al mondo. Dietro a progetti come Flanders, al numero uno negli USA ed ai successi dei TI.PI.CAL., infatti, c’è lui. Produce dischi dal ’91 e ha venduto 300.000 singoli e 10 milioni di compilation. Siciliano, vive e lavora a Palermo fin da quando aveva 18 anni e tra i tanti ha pure remixato brani di popstar come Jovanotti e Celentano. Il suo sound è sempre personale e le melodie dei suoi brani restano in testa come per magia.

Argomenti Trattati:

• Evoluzione del workflow in studio dal progetto TI.PI.CAL. ad oggi.
• La dance che diventa Pop
• Conoscere le regole della dance per infrangerle
• Focus sul vocal all'interno di una traccia dance.
• Dall'anaologico al digitale "andata e ritorno"

Il seminario è a numero chiuso, per partecipare è necessaria l'iscrizione.

_____________________________________________________________________

IL RELATORE: VINCENZO CALLEA

Vincenzo Callea (www.vincenzocallea.com) è uno dei dj producer italiani più conosciuti ed apprezzati al mondo. Dietro a progetti come Flanders, al numero uno negli USA ed ai successi dei Ti.Pi.Cal, infatti, c’è lui. Produce dischi dal ’91 e ha venduto 300.000 singoli e 10 milioni di compilation. Siciliano, vive e lavora a Palermo fin da quando aveva 18 anni e tra i tanti ha pure remixato brani di popstar come Jovanotti e Celentano. Il suo sound è sempre personale e le melodie dei suoi brani restano in testa come per magia.

"Sono 21 anni che faccio musica e nel tempo ho esplorato vari generi musicali", spiega. "Ma non riesco a non tornare sempre a ciò che più emoziona. Sono cresciuto a pane, Atari, new wave, Dark e new romantic e nei miei dischi non rinuncio mai a citare questi mondi!"

Il suo recente singolo, “Turn off the Lights”, segue l'esordio da solista, avvenuto solo nel 2012, con "God Can't Sleep When ur Sad", esce nel dicembre 2012 ed è cantato da William Naraine. Il disco è un successo globale. Supportato da top dj come Pete Tong, Tiesto, Nicky Romero, Thomas Gold, Arty e R3hab ha raggiunto il vertice delle chart di mezzo mondo ( #1 Radio 105 Club Chart - Italy, #4 Buzz Chart UK - #14Cool Cuts UK - #19 Australian Aria Chart).

E’ davvero difficile riassumere i successi una carriera lunga più di vent’anni in cui Vincenzo Callea ha prodotto oltre 180 brani. I suoi Ti.Pi.Cal. hanno avuto ben 10 singoli da Top Ten in Italia: “The Colour Inside” è stato primo in classifica in Italia per 12 settimane. Il loro ritorno, nella primavera 2011 con la bellissima "Stars" (e l’omonimo album), li ha fatti conoscere anche a chi negli anni '90 era troppo giovane per ballare. I Flanders nel 2008 hanno raggiunto con "Behind" la prima posizione nella prestigiosa Billboard Airplay Charts, in America, scavalcando tutti i colossi del pop. Risultati analoghi li hanno concretizzati progetti come Bamble B, Naive e Kreò, ma sono stati molto importanti anche The Cop, VDC, Sea Flower, Coco Bongo. Il sound di Vincenzo Callea è sempre unico e per questo Pete Tong, Roger Sanchez o Erick Morillo sono solo alcuni dei dj che supportano con costanza le sue produzioni. Il successo discografico lo porta spesso in tv ed in radio (Top Of The Pops, Festivalbar, Non è la Rai, Radio 105, Deejay, Rtl 102.5 e negli USA Energy 97.2), mentre come dj fa ballare locali importanti come Le Locomotive a Parigi, The Cellar a San Francisco, il Millaenya a Frosinone ed il Divinae Follie a Bisceglie (Ba).