We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
Friday
06
APR

Tabard InnDIE presenta: Lucio Leoni + Valentina Polinori

22:30
03:30
Tabard Inn Pub
Event organized by Tabard Inn Pub

Get Directions

Category
#var:page_name# cover

Tabard innDIE è la nuova serata del Tabard inn pub all'insegna della musica inedita.
Un nuovo appuntamento, ma allo stesso tempo una vecchia abitudine!
Siamo giunti al dodicesimo appuntamento pieno di buona musica, venerdì 6 aprile alle 22:30, con una proposta tutta romana:

- Lucio Leoni
- Valentina Polinori

Lucio Leoni nasce a Roma nel 1981 e lì ci rimane, fatta eccezione per una parentesi statunitense. Fin da piccolo dice di amare la musica, così la madre lo iscrive a una scuola di chitarra classica. A dodici anni si ribella al concetto di “studio disperato” e lascia tutto, in nome del calcio. Capisce presto di essere scarso e rinuncia alla carriera sportiva: a diciassette anni parte per gli Stati Uniti, dove frequenta il penultimo anno di liceo e riscopre l’amore per la musica. Torna a Roma nel 2000 e forma la band di happy rock’n’roll “Yugo in Incognito”. Si occupa dei testi e della voce, pubblicando, nell’arco di dieci anni, un disco e due ep: Puppurri (2003) “C’hai nis demo-cracy” e Uomini senza gomiti (2013). Si laurea in Scienze dello spettacolo alla Sapienza di Roma, con una tesi su “voce e drammaturgia in teatro”, e poi in conservatorio dove frequenta il corso di Musica Elettronica. Negli anni dell’università prova a fare l’attore, ma, dubbioso rispetto al proprio talento, rinuncia anche alla carriera teatrale.
Nel 2005 fonda lo studio di registrazione “Monkey Studio”: si occupa di numerose produzioni, accogliendo un gran numero di artisti. Diventa in tutto e per tutto un sound engineer. Contemporaneamente, inizia a suonare con gli Scolapasta Vintage, eccentrica band indie rock, e fonda, nel 2007, i Meccanica Ferma, sestetto elettroacustico votato alla ricerca. A ventotto anni compie un primo bilancio della propria carriera: nonostante il rifiuto della chitarra classica, la musica è quello che sa e ama fare. Nel 2009 apre il Live Club “La Riunione di Condominio”, locale culto della scena musicale romana: il club, come ogni mito che si rispetti, muore giovane. L’esordio come cantautore avviene nel 2011, sotto il nome di Bucho: l’album si chiama “Baracca e Burattini” ed esce solo come musicassetta. Nel 2015 esce per Lapidarie Incisioni “Lorem Ipsum”, il primo album firmato Lucio Leoni, che viene recensito con entusiasmo dalle principali testate nazionali, come l’Unità o Il Fatto Quotidiano, o di settore, come Rumone, Vinile, Rockerilla e, sul web, Rockit, Rockol, Ocanerarock e Musictracks.
Il 15 marzo 2016 Lucio Leoni ha presentato “Lorem Ipsum” a Webnotte su Repubblica
Il 10 novembre 2017 esce “Il lupo cattivo”, il nuovo disco di inediti per Lapidarie Incisioni / iCompany – distribuzione Sony.

Valentina Polinori è una Cantautrice Romana, classe 1987, laureata in Storia dell’Arte con un percorso itinerante tra Roma, Parigi e Utrecht. Musicalmente parlando, si avvicina allo studio del pianoforte classico a sette anni, per poi frequentare, nel 2001, il 3° anno nel conservatorio di santa Cecilia a Roma. Riprende lo studio del pianoforte nel 2013 e nel frattempo, imparata la chitarra da autoditatta, comincia a scrivere brani inediti.
Il percorso cantautoriale, in origine affiancato dal Chitarrista Matteo Cona, si sviluppa inizialmente in forma acustica esprimendosi in numerosi live a Roma e dintorni, intrecciando anche collaborazioni con altri cantautori. Il 6 Giugno 2017 esce il suo album di debutto, “Mobili” che vede aggiungersi alla band Giacomo Ronconi alla chitarra acustica e la ritmica fuoriclasse di Stefano Rossi al Basso Elettrico e Davide Savarese alla batteria.
Anticipato dal singolo Lolita, Mobili è un disco di profonda sensibilità melodica. Le dieci tracce spaziano tra cantautorato italiano, ritmi rock e sonorità dolci a volte contaminate dall’elettronica. Legato a doppio filo alla sua esperienza personale e di artistica, il titolo del disco rappresenta il costante contrasto tra movimento e immobilità ed il tentativo di costruire una realtà parallela fatta di personaggi inventati, immagini evocative, riflessioni semplici.
Il disco è registrato presso Il Cubo Rosso Recording, masterizzato da Fabrizio de Carolis al Reference Mastering e distribuito dall’etichetta Saetta Dischi, con la direzione artistica di Aurelio Rizzuti.

Direttore Artistico: Federico Madolini
Progetto Grafico: Thomas Latini