We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
Sunday
08
APR

Ascesa è caduta D'un d'Io

18:00
TAV   Teatro Animazione Visioni
Event organized by TAV Teatro Animazione Visioni

Get Directions

Category
#var:page_name# cover

Il luogo in buio
presenta
Ascesa è caduta d'un D'Io - un moto senza luogo - da Nessuno, per Nessuno

di e con Cristian Izzo
collaborazione alla performance Carmen Orazzo
progetto grafico Luca Longobardi

Note d'un naufragio inevitabile:

Dinanzi all'abisso sussistente tra sé e se stessi, tra uomo e uomo, tra uomo e altrove non si può che vivere nell'esperienza della nostalgia, non si può che essere testimonianza fugace dell'inappagabile desiderio di ritornare.
Nel moto statico dell'ascesa e della caduta c’è il voto dell'uomo che avverte la necessità di raccogliersi in sé, di tornare a ciò che va oltre l'uomo, ovvero, all'arte.
Tale è il ritorno al primordialmente eterno, tale è il ritorno agli eroi dell'epos che divengono monumento alla vergogna, al senso del fallimento derivante dalla strapotente affermazione di un Io ipertrofico.
L'interventismo sterile della volontà previene, dunque, qualsiasi possibilità d'avvento: affatica Ulisse per mare, lacera le carni di Prometeo, scioglie le ali di Icaro.
Bisogna, pertanto, sottrarsi alla tirannia del corpo, portatore di volontà, e al suo volgare moto a-da-per-in luogo: è necessario disfarsi dell'io per recuperare la propria alterità ed unicità. Questa sottrazione (quella del corpo), avviene tramite addizione: sovrapponendo freneticamente immagine su immagine, togliendo di continuo punti di riferimento sia all'organismo moventesi, sia all'occhio che lo individua. Sovrapponendo freneticamente (ancora) fatica su fatica, disgregando e dissolvendo il movimento nello sforzo continuo e in aumento: e con il movimento il corpo che lo compie, nell'attività di battersi all'ultimo sangue affinché l'intestimoniabile verità intima sortisca fuori nell'impossibile sforzo di liberarsi della materia e divenire immateriali.
Lo spazio non è più, quindi, il luogo in cui il corpo si muove ma è interno e, in quanto tale, è il cosmo.
Ci si muove nel corpo e nei suoni prodotti dal corpo ed è ancora un elevare a minore: un anelito all'Uno, al Pan, al Caos.
A quello che c'era da prima del tempo.


Festival "Ramppikuume" Finlandia 2016
Teatro "Apollo", ad Alba Iulia, Romania e"Partecipazione d'Eccellenza" alla prima edizione dell' "Experiment - International Theatre Festival" di Deva.
International Theatre Festival "Vreme" Bulgaria
"Chuncheon Theatre Festival", in Corea del Sud, 2018/2019.


8 Aprile 2018 TAV Teatro Animazione Visioni, Frattamaggiore



Per info: 334 8264497
334 8263852