We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
Friday
27
APR

Laboratorio con Francesco Villano

21:00
17:30
Teatro della Brigata
Event organized by Teatro della Brigata

Get Directions

Category
#var:page_name# cover

TU/ IO IL CORPO E LA PAROLA
LABORATORIO CONDOTTO DA FRANCESCO VILLANO

Sono un attore di teatro, non un pedagogo puro. Il mio approccio all’insegnamento parte quindi da una pratica scenica alla ricerca della semplicità e della necessità. Il mio lo definirei piuttosto un non-metodo, che è la summa pragmatica di vari metodi.

Negli anni, come guida esterna, ho sviluppato una linea formativa che potremmo indicare come ludico – maieutica, di osservazione e di stimolo all’azione.
La guida teatrale infatti non trasferisce genericamente pillole metodologiche, ma pone domande soggettive, mutevoli, che solo la pratica scenica può esplorare, smentire o confermare.

Durante il tempo condiviso in sala, ancor prima dell’agire, il gruppo e il singolo attraverso vari “giochi” fanno esperienza dello Stare e dell’Ascolto. In questo percorso di studio l’imprevisto e l’errore sono utili e fecondi compagni di viaggio, capaci di farci riconoscere alcune imposture e cliché relazionali della vita quotidiana. Solitamente si lavora partendo da improvvisazioni strutturate e aperte che via via trovano una forma sempre più definita in un continuo scambio critico tra la guida esterna e chi agisce. Si tratta di un allenamento rigoroso all’immaginazione e all’ascolto: di sé (propriocezione), dell’altro (attenzione, disponibilità, fiducia) e dello spazio scenico. Si aggira così il pericolo di soluzioni rappresentative immediate, di precoci approcci mimetici e di adesione a un “personaggio” esterno.
Potremmo affermare che l’obiettivo primario di questo non-metodo non è l’insegnamento di uno stile recitativo a priori,
ma la rivelazione di un principio fondante di lavoro: allenare un’attitudine alla sorpresa all’interno di un proprio progetto.

Il testo di riferimento sarà “Il Re Lear” di W. Shakespeare

Il lavoro sarà introdotto da un training fisico, vocale e sensoriale. Una serie di esercizi che indagheranno tutta la parte pre-espressiva del lavoro: stare – vedere – relazionarsi (con sé, con l’altro, con lo spazio, col tempo, con gli oggetti, col testo, con chi osserva) – per poi “agire”. Attraverso la sensibilizzazione del corpo (elementi di Feldenkrais, Contact Improvvisation, giochi di relazione) si vuole stimolare un approccio ludico al personaggio, che possa tradursi in un “serbatoio” di scoperte legate ai sensi e alle immagini che questi veicolano. Il fine è di raggiungere, attraverso l’esperienza guidata di diversi stati fisico-emotivi, un’ agilità espressiva e una più consapevole capacità creativa da utilizzare poi all’interno di un’improvvisazione drammaturgica.


CHI è' FRANCESCO VILLANO

Attore, performer, regista. Diplomato all’Accademia Nazionale d’ArteDrammatica Silvio D’Amico di Roma, partecipa all’Ecole des Maitres, scuola internazionale di perfezionamento teatrale, guidato da Denis Marleau e Jan Fabre. Laureato in Storia del Teatro dipartimento di Scienze Umanistiche (110 e lode) all’Università La Sapienza di Roma. Come attore lavora continuativamente con: Antonio Latella, Giuliana Musso, Lisa Ferlazzo Natoli, Emma Dante, Davide Iodice, Carmelo Rifici, Serena Sinigaglia, Claudio Autelli, Pierpaolo Sepe, Luciano Colavero. Partecipa a progetti di teatro sociale con l’associazione Ygramul di Roma, e a performance multimediali con la Bauhaus di Dessau. Come performer collabora per cinque anni con la compagnia di teatro-danza Immobile Paziente di Roma. Con lo spettacolo Per Amleto, regia di Michelangelo Dalisi, vince il premio Dante Cappelletti. Nel 2010 fonda con lo stesso Dalisi e Marco Cacciola la compagnia InBalìa, con la quale realizza tre regie tratte da testi inediti di drammaturgia contemporanea: Piccoli Pezzi Poco Complessi di Magdalena Barile; Sonata per ragazza sola, omaggio a Irène Némirovskj, di Federica Bern, e A zonzo drammaturgia collettiva di InBalìa tratta da Tre uomini a zonzo, di Jerome K. Jerome. Genesiquattrouno, di cui è interprete e regista insieme a Gaetano Bruno, anche autore, è finalista al premio Dante Cappelletti e InBox 2014. Parallelamente al suo percorso di attore dal 2007 svolge un’ intensa attività di formatore teatrale collaborando come insegnante di recitazione e training teatrale con molte scuole in Italia e all’estero (CRT, Teatro Litta, Proxima Res, Lab 121, ATIR a Milano; Teatro Comunale a Piacenza, Ernst Busch a Berlino, Teatro Bellini di Napoli, Teatro del Cerchio di Parma, Marche Teatro ad Ancona)

CALENDARIO

Venerdì 27 aprile : 21:00 – 23:00 (2 ore)
Sabato 28 aprile : 10:00 – 13:00 pausa 14:00- 17:30 (6 ore e mezza)
Domenica 29 aprile : 10:00- 13:00 pausa 14:00- 17:30 (6 ore e mezza)

COSTO

160* + 20 euro tessera associativa per un totale di 15 h di lavoro

*Agevolazioni previste per coloro che si siano già iscritti a uno o più laboratori della rassegna

Per prenotazioni&maggiori info www.http://www.teatrodellabrigata.it/appuntamenti/piccoli-maestri-corpo-la-parola/
oppure chiama, dalle 17 alle 20, da lunedì al venerdì il cell 3278844341