We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
Saturday
14
APR

MAMMA Piccole Tragedie Minimali - di A Ruccello - 14 15 Aprile

21:00
22:30
Teatro SERRA
Event organized by Teatro SERRA

Get Directions

Category
#var:page_name# cover

La scelta di " MAMMA: piccole tragedie minimali " di Annibale Ruccello, ideato, prodotto e interpretato dalla compagnia Matremo Teatro, è stata per noi una scelta facile, nonostante capiti fuori cartellone, a ridosso della fine della nostra prima stagione teatrale. Quattro attrici ci raccontano in modo viscerale una storia unica e universale.

Uno spettacolo assordante, di uno degli autori partenopei più possenti del dopoguerra, morto senza morire - come tutti i più grandi - troppo giovane.
Lo spettacolo andrà in scena il 14 e il 15 Aprile, sabato e domenica, alle ore 21. Un evento speciale a cui sarebbe delittuoso rinunciare.

Info e prenotazioni: teatroserra@gmail.com
oppure 3345083092
Costo unico: 10 euro.

MAMMA: Piccole Tragedie Minimali
di Annibale Ruccello

ideazione e adattamento Angela Garofalo, Monica Palomby

cura e organizzazione Michele Vitolini

con Roberta Frascati,
Angela Garofalo,
Monica Palomby,
Caterina Di Matteo

regia collettiva, produzione MATREMO TEATRO

Il nostro Mamma: piccole tragedie minimali porta in scena quattro attrici, e non una
soltanto, come il testo vorrebbe.
Le quattro donne si alternano sulla scena rispettando l’ordine dei monologhi, così
come concepito dall’autore. Lo spazio scenico è essenziale, nero, percorso da un
lungo tappeto rosso, che si srotola dal fondale al proscenio, fiume sanguigno che
guida ogni madre verso l’altare sul quale consumerà il proprio dolore.
Una sedia. Vecchia, sfondata, a significare i numerosi patimenti. La sedia gestatoria
della ritualità popolare nel Sud dell’Italia: le donne vi si siedono per chiedere alla
Madonna - del Parto o di Piedigrotta - la grazia di rimanere incinta. Sedia che
diventa cornice, palcoscenico, finestra, sfogo isterico di una madre alle prese con
troppe creature.
L’essenzialità della scena fa sì che protagonista sia sempre il personaggio, che cerca
di affermarsi, attraverso l’uso di quella potente e meravigliosa parola di cui Ruccello
è maestro, strappando con forza uno spazio di vita nel quale poter finalmente vivere
il proprio dolore, vegliata dall’immagine della Vergine che lentamente va
componendosi sul fondo.

Venue

Teatro SERRA