We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
Thursday
22
MAR

JaZzFeeling▷▸▹Giudici Monti Capiozzo Trio ◁◂◃

21:30
23:40
JaZzFeeling
Event organized by JaZzFeeling

Get Directions

Category
#var:page_name# cover

Rassegna JaZzFeeling f/w 2017-18
by Diego Olivieri @ The Pirate Pub, Cattolica
GIUDICI, MONTI, CAPIOZZO TRIO
Jovedì 22 Marzo 2018, dalle 21:30
> musica, gusto, empatia <

Gianni Giudici - keyboards & organ
Roberto Monti - chitarra
Chicco Capiozzo - batteria
…………………………………………..
…………………………………………..

>>DOPO LA PRESENTAZIONE DEL CONCERTO E DEI MUSICISTI, IN FONDO SONO INDICATE LE INFO SULLA SERATA, I CONTATTI CON L'ORGANIZZAZIONE E PER LA PRENOTAZIONE<<

Il trio, fortemente voluto da JaZzFeeling, suona brani originali di Gianni Giudici e alcuni standard con rielaborazioni e improvvisazioni che privilegiano il sound di gruppo e l'interplay tra le parti e gli strumenti.
Il repertorio spazia dai Beatles a McCoy Tyner fino a John Coltrane e Charlie Parker, uscendo dagli schemi tipici dell'organ trio.

Gianni Giudici - keyboards & organ
Milanese di nascita e romagnolo di adozione, musicista Jazz da oltre trent'anni con una grande simbiosi con tutti gli strumenti a tastiera; dal pianoforte, che rimane il suo strumento principale, al poliedrico mondo delle tastiere elettroniche.
Inizia a suonare l'Hammond a quindici anni e poco dopo ne diventa dimostratore ufficiale e concertista. Suona e registra in trio con Bruno De Filippi (suo primo estimatore e scopritore) Giancarlo Pillot e poi Tullio De Piscopo, entrando presto a far parte della prima storica formazione della "Apterix Blues Band", con Cooper Terry, Larry Nocella, Lillo Rogati, Graziano Tede e Ricky Nieri. Partecipa alle interminabili jam sessions al famoso Capolinea (del 19), al Club 2 di Brera, al 17 Jazz Club (con De Filippi, Sola, Fanni e Nocella) e con tutti i migliori Jazzisti del periodo (impossibile elencarli senza approssimazioni) prima di trasferirsi in Romagna. Fin dalla metà degli anni settanta egli è considerato uno dei migliori organisti Jazz europei.
Negli ultimi anni ha suonato e/o registrato con artisti di grandissimo prestigio: Al Grey, Eddie Davis, Bobby Watson, Benny Baileys, Tony Scott, Valery Ponomarev, Ingrid Jensen, Chet Baker, Terry Gibbs, Gary Burton, Milt Jackson, Bruce Forman, Randy Bersen, Lew Tabackin, Joyce E. Yuille, Madeleine Peyroux, la band Jestofunk e tutti i migliori musicisti Jazz Italiani, fra i quali i prestigiosi "Swing Maniacs" del grande M° Renzo Arbore e gli indimenticabili Hengel Gualdi, con cui si è esibito in vari concerti per Pianoforte e Clarinetto su composizioni originali scritte da entrambi appositamente per il loro duo, e Giulio Capiozzo, con il quale ha suonato molto negli ultimi anni e registrato l'ultimo concerto dal vivo con Jimmy Owens e Cameron Brown.
Gianni Giudici è uno dei massimi esperti di sonologia e tecniche di sintesi, con una versatilità non comune nel panorama musicale internazionale e ha tenuto lezioni e conferenze anche presso il prestigioso Centro di Sonologia Computazionale dell’Università di Padova.
Le musiche di Gianni Giudici sono edite da Ricordi.
Nel giugno 2007, Gianni Giudici è stato nominato Organist of the Month dalla International Archives for the Jazz Organ

Roberto Monti - chitarra
Incontra la sua prima chitarra all’età di 11 anni e dopo i primi approcci decide di studiare sullo strumento classico, ma dopo qualche anno scopre la chitarra elettrica ed il jazz. Da questo tipo di musica viene immediatamente rapito e decide di approfondirne lo studio come autodidatta.
La sua avventura come musicista jazz inizia nei primi anni ottanta con il gruppo del sassofonista milanese Giorgio Baiocco, poi con il quintetto di Marco Tamburini incide il suo primo disco in seguito al concorso jazz contest 88 a Milano.
Collabora come sideman con: Jimmy Owens, Mike Melillo, John Mosca, Bob Mover, Chet Baker, Charles Tolliver, Tony Scott, Giulio Capiozzo, Massimo Urbani, Pietro Tonolo, Roberto Rossi, Gianni Basso, Franco Cerri, Gianni Giudici e parecchi altri.
Con il contrabbassista Stefano Travaglini inizia un sodalizio che dura tuttora e che produce, in dieci anni, due dischi in quartetto con Mauro Negri e Walter Paoli. Sempre assieme a Travaglini fonda il gruppo IDRA avventurandosi nel jazz elettrico assieme a Massimo Manzi, Paolo Birro e Renato D’Aiello. Poi, nel 2001, realizza un disco a suo nome: “Rampicanti” coinvolgendo Simone La Maida, Travaglini, Tamburini, Andrea Dulbecco, Massimo Morganti e Silvia Donati. In seguito arriva “Salsedinebbia”, progetto con Travaglini, LaMaida e Andrea Morandi; ne vien fuori “Svisatura melodica, un CD per la MAP. Attualmente suona in duo con Simone La Maida, nella East coast big band Riccione Jazz orchestra (CD omonimo appena uscito).
Roberto Monti ha dato vita, assieme al trombettista Marco Tamburini, al progetto “Resonance Ensemble” incentrato sulle interazioni tra il linguaggio musicale e quelli della fotografia e della letteratura; nel gruppo: Roberto Rossi al trombone, Simone La Maida, al sax alto e soprano, Glauco Benedetti alla tuba ed al basso elettrico, Walter Paoli alla batteria. Tra le recenti collaborazioni, la partecipazione al CD “Bienvenida” del pianista Michele Donati con Massimo Manzi, Eddie Gomez, Samuele Garofoli, Jean Gambini, Ivan Gambini e Ludovico Carmenati.


Chicco Capiozzo - batteria
Batterista, compositore e produttore, noto nel panorama musicale per le collaborazioni con musicisti internazionali e nella scena funk, jazz, lounge e soul oltre che per le sincronizzazioni televisive, prima fra tutte Sex & the City, in cui è stato inserito un brano di sua composizione.
Figlio del grandissimo Giulio Capiozzo, apprende dal padre l’amore per la musica e per la batteria; dall’età di 12 anni incomincia ad esibirsi nei locali della riviera Adriatica incominciando a mettersi in luce per la diversa concezione di intendere lo strumento, non solo ritmico ma anche melodico, come ci insegna soprattutto la scuola Afro-jazz.
Suona con moltissimi artisti come Jimmy Owens, Pee Wee Ellis, Enrico Rava, Tony Scott, Jarrod Lawson, Mario Biondi, Luca Sapio, Sherman Hirbie, Gigi Cifarelli, Marco Tamburini, Cheryl Porter, Trilock Gurtu, Michel Supnick, TonyScott, Bruce Forman, Tullio De Piscopo, Alex Baroni, Ernesttico Rodriguez, Cico Cicognani, Karl Potter, Patrizio Fariselli, Ares Tavolazzi, Michele Calgaro, Randy Bersen, Tanya Michelle, Joe Salinas, Gianni Giudici, Mauro Pagani, Andrea Mingardi, Mark Harris, La Drummeria (con Ellade Bandini, Paolo Pellegatti, Eugenio Mori) ecc.
Nel 2002 si esibisce nei club a New York e studia alla New School e nel 2003 si esibisce in un tour di 18 serate a New York, anche al Blue Note, con l’organista americano Ehud Asherie e nel 2005 suona in tour con Owens, Ed Cherry (chitarrista Dizzy Gillespie) e con Sherman Herbie, Sax della Lincoln Lazz orchestra diretta da Winton Marsalis. Il suo drumming viene scelto nell’ultimo disco di Jimmy Owens che uscirà in tutto il mondo, comparirà anche nel nuovo disco dei Quintorigo e nel cd Quintorigo play Mingus insieme ad Antonello Salis e Gabriele Mirabassi con i quali partecipa a Umbria jazz, Vicenza Jazz, Villa Celimontana, Ravenna Jazz . Nel 2012 registra l’album “Who Knows” negli studi della Dhunam Records, prodotto da Thomas TNT Brenneck (produttore chitarrista di Emy Winehouse, Charles Braddley, Lee Fields, Eloe Black). Il singolo “How did we loose it” entra nella play list del David Letterman Show nell’estate il gruppo apre i concerti a Paul Weller, un tour in tutta la germania a spalla di Trombone Shorty, un tour Europeo da spalla a Sharone Jones & the Daptkings e partecipa a festival rinomati come Trasimeno Blues e il Locosfestival a Locorotondo (Bari).
Nel 2015 viene chiamato in tour con Pee Wee Ellis storico Sax di James Brown e compositore di molti pezzi dello stesso tra i quali ricordiamo la famosa “The Chicken”. Con lui si esibisce oltre che in Italia anche in Grecia ad Atene, Irlanda (Sligo funk-jazz festival) Vienna. Si esibisce anche con il cantante vincitore del Grammie come rivelazione New Soul mondiale Jarrod Lawson, suona in Norvegia, Oxford, per il noto club londinese Ronnie Scott e in Croazia. Sta producendo un disco di afro-beat di Gabin Dabirè, uno dei massimi esponenti di musica africana.
————————————-

⏩ INFO SERATA e LOCATION ⏪

JaZzFeeling, progetto ideato e curato da Diego Olivieri per la creazione di eventi e diffusione della musica JaZz, vi aspetta Jovedì 22 Marzo a #Cattolica presso The Pirate pub, habitat della Rassegna JaZzFeeling 2017-‘18, sulla sponda romagnola del portocanale, al di là del quale iniziano le Marche.

🎸 Ingresso libero al concerto, consumazioni e menu alla carta senza sovrapprezzo (pub, ristorante, pizzeria).
🍻 Vasto assortimento di Birre
🍷 Vini locali
🍕 Cucina curata

I TAVOLI VICINI AL PALCO SONO RISERVATI A CHI PRENOTA PER CENARE

Il Pirate Pub ha 3 sale. Il gruppo è visibile da tutti i tavoli della sala centrale. Dalle sue sale laterali è parzialmente visibile e comunque il viene diffuso sui vari monitor in tutte le sale del locale e ascoltabile in ogni ambiente grazie all’impianto audio localizzato.

Sono inoltre disponibili:
🍴 #MenuMare 🐟 e #MenuTerra 🍖

>> In questa serata dell’8 marzo, a tutte le donne presenti sarà offerto in omaggio il secondo drink <<

PRENOTAZIONI
Per prenotare ☎ 347 2157387
The Pirate Pub, Cattolica, via del Porto 171

———————————————————
apertura al pubblico: ore 19:00
inizio concerto: ore 21:30
________________________________________

Per info sulla Rassegna,
per presentarsi in qualità di musicisti o gruppi,
per organizzare eventi JaZz nel territorio,

▶︎▶︎▶︎DIREZIONE ARTISTICA e INFO JaZzFeeling◀︎◀︎◀︎
Diego Olivieri
diegolivieri@icloud.com
334 1547552

“Il jazz è un ponte di emozioni che oltrepassa l’orizzonte e avvicina le persone”.

FB: JaZzFeeling
visita la nostra pagina, metti "mi piace”, segui gli appuntamenti.

--------------------------------------
———————————————————