We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
Friday
13
APR

Don Karate in concerto a Villa Lazzarino

19:30
22:00
Villa Lazzarino
Event organized by Villa Lazzarino

Get Directions

Category
#var:page_name# cover

Stefano Tamborrino, Pasquale Mirra e Francesco Ponticelli sono tra le menti più creative tra le giovani generazioni di improvvisatori europei. Don Karate è un trio di recente formazione messo insieme da Tamborrino, e come il suo leader pratica un’arte libera, che impiega sorgenti sonore inaspettate ed eterogenee ed è poco abituato alle convenzioni di genere. C’è dentro elettronica (tutti e tre gestiscono anche synth ed effetti), hip hop, atmosfere cinematografiche e tante altre ispirazioni anche non musicali la cui decifrazione è affidata all’immaginazione. Non hanno registrato nulla e la rete è ancora del tutto priva di testimonianze significative su di loro, per cui l’unica risorsa a disposizione è lasciar parlare Tamborrino, intervistato da Allaboutjazz:

“La cosa più frustrante della batteria è che è veramente difficile fare della poesia, molto più difficile che con qualunque altro strumento. (…) È per questo che quando "compongo" lo faccio considerando altri riferimenti rispetto allo strumento che suono. Adesso sto raccogliendo del materiale per un disco in solo - un po' cinematografico, un po' hip hop, un po' ambient, un po' punk - nel quale suono tante cose diverse, ma l'unico strumento che non tocco è proprio la batteria. Uso prevalentemente una strumentazione che rasenta il giocattolo, ma non sapendola suonare va più che bene: poi percussioni elettroniche, la tastiera Casio delle medie anni Ottanta, un flauto, anche quello delle medie, un piccolo glockenspiel, oggetti vari, tra cui bottiglie e tutto quello che mi capita sotto tiro, a cui si vanno ad aggiungere strumenti che mi vengono all'occasione prestati come il violoncello, la tromba, il sassofono, senza che mi siano mai passati per le mani prima di premere il tasto "REC." Tengo tutto su un tavolo, suono improvvisando e aggiungendo strati registrando in sovraincisione, nel tentativo di creare un paesaggio sonoro. (…) E comunque, riflettendoci, non posso dire di rivolgermi a modelli, anche perché - come dicevo - non presto troppa attenzione alla batteria: è raro che ascolti la musica seguendo la batteria. Quello che mi può ispirare è una sorta di intensità, di sensibilità, una storia, uno shock, non solo nella musica”. Capito?

Stefano Tamborrino, batteria, elettronica
Pasquale Mirra, vibrafono, synth
Francesco Ponticelli, basso elettrico, synth

Aperitivo di Valeria e concerto di Don Karate a 12 Euro.
E poi tutti a vedere Arto Lindsay al Lumiére.

Si prega di contattare Villa Lazzarino (tel. 392 8557267, mail villalazzarino@gmail.com) per confermare la propria presenza entro il giorno del concerto.

A cura di Valeria Taddei, Antonio Pellicori, Matteo Anelli