We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
Metodo Schroth Best Practice Italia - Trattamento Scoliosi

Metodo Schroth Best Practice Italia - Trattamento Scoliosi

via Cardarello,18, Marina di Badolato, 88060, Italy

Get Directions

3289775224

Work hours Add information
About Questa pagina NON è rivolta ai colleghi fisioterapisti o altre figure della riabilitazione. I training terapeutici sono destinati unicamente ai pazienti.
Metodo Schroth Best Practice Italia - Trattamento Scoliosi cover
Description La scoliosi è un dismorfismo che nella maggior parte dei casi ha cause ignote e si definisce, appunto, idiopatica. La scoliosi idiopatica si rende evidente durante l'adolescenza quando il picco di crescita è massimo e, di conseguenza, anche il rischio di peggioramento.

La deformità del rachide consiste in una deviazione sul piano frontale con modificazioni delle fisiologiche curve sagittali e rotazione dei corpi vertebrali sul piano trasversale.

Le linee guida definiscono la scoliosi come una deviazione strutturata con tutte le componenti spaziali e un angolo Cobb di oltre 10 gradi.

La terapia dipende dai gradi Cobb e dall'età del paziente:

da 10-20 gradi a crescita quasi completa è richiesta la sola osservazione;

da 20 a 30 gradi a crescita quasi ultimata si può optare per la sola fisiokinesiterapia o un abbinamento di fisioterapia e bracing;

oltre i 30 gradi in fase di crescita si raccomanda il bracing che va comunque integrato con la fisiokinesiterapia durante lo svezzamento dal corsetto;

La chirurgia è consigliata solo in casi molto progressivi ma solo dopo che si sia avuto un insuccesso con l'approccio ortopedico e kinesiterapico.

Il Metodo Schroth , nella sua versione rimodernata dal dr. Hans Rudolph Weiss, si fonda sui principi del metodo ideato e praticato dalla nonna Katharina Schroth , affetta da scoliosi e fisioterapista ella stessa, dal 1921 a Meissen , Germania.

Si basa sulla correzione attraverso esercizi asimmetrici e tridimensionali abbinati alla respirazione.

Il primo step è la valutazione clinica del paziente sia ad occhio nudo che attraverso eventuali radiografie e con l'uso dello Scoliometer per definire l'entità della rotazione vertebrale all'apice della curva.

Dopo, attraverso un training preliminare il paziente prende coscienza della propria postura e viene istruito sull'anatomia e sulla fisiologia del rachide affetto da scoliosi. Si lavora sulle posture corrette da mantenere durante le attività di vita quotidiana (in piedi, sedut