We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. Read more…
ProRomano - Pro Loco Romano D'Ezzelino

ProRomano - Pro Loco Romano D'Ezzelino

Via G. Giardino 77, Romano Alto, 36060, Italy

Get Directions

042436427

Categories
Now CLOSED
Work hours
MO closed SA closed
TU 09:30 – 12:30 SU closed
WE 09:30 – 12:30
TH closed
FR 09:30 – 12:30
About Benvenuti nella pagina della Pro Loco di Romano D'Ezzelino per tenervi informati su tutto quello che succede nel nostro territorio!
ProRomano - Pro Loco Romano D'Ezzelino cover
Description Il nome “Romano” deriva senza dubbio all’alleanza veneto-romana avvenuta forse all’epoca della centuriazione di Cittadella o Bassano. Il riferimento a “Ezzelino” riguarda invece la famiglia degli Ezzelini che dopo il 1199 si trasferirono da Onara (Pd).
Il potere raggiunto da Ecelo II “il Monaco” e dai due figli (Ezzelino III da Romano e Alberico II o Alberico da Romano) fino al 1260 fu tale che furono ricordati anche come “da Romano”.
Romano d’Ezzelino vanta anche una citazione nel Paradiso della Divina Commedia (c. IX, v. 25), dove Dante Alighieri, guidato da Beatrice, arriva nel cielo di Venere, gli si fa incontro lo spirito luminoso della sorella di Ezzelino III, Cunizza da Romano, che così gli racconta:

“In quella parte della terra prava
Italica, che siede intra Rialto
e le fontane di Brenta e di Piava
si leva un Colle e non surge molt’alto
là onde scese già una facella
che fece alla contrada un grande assalto”.

Il Colle è un riferimento al Col Bastia dove oggi è visibile una torre campanaria a base circolare in ricordo dell’antica fortezza dei Da Romano. L’attuale Torre venne eretta nel 1827 progettata da Giovanni Zardo, discendente dei Canova. Oltre alla Torre Ezzelina, sul Col Bastia sono importanti l’antica chiesetta di Romano e il monumento a Dante Alighieri, ove son riportate le terzine del Paradiso. Ma la relazione tra Dante e Romano d’Ezzelino continua nel canto XII dell’ Inferno, precisamente nel 7° cerchio, dove il sommo poeta relega tra i dannati Ezzelino III, detto il Tiranno: “…E quella fronte c’ha ‘l pel così nero è Azzolino”. Ezzelino sta immerso in un fiume di sangue bollente ad espiare le proprie colpe per esser stato un violento nei confronti degli altri (anche se poi la storia dimostrerà che il ghibellino Ezzellino era violento né più né meno degli antagonisti guelfi dell’epoca, ad esempio la strage di tutta la dinastia degli Ezzelini ad opera dei guelfi nel 1260 a San Zenone degli Ezzelini…).
Due sono poi i momenti importanti vissuti a Roma

Similar places nearby